Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Due spettacoli imperdibili al Teatro Potlach di Fara

Appuntamento con «Augmented me» dell’associazione Mopstudio e «Telemomò» di e con Andrea Cosentino

29/09/2021 10:36 

 

A Rieti l'incontro culturale per l'80°anniversario del transito del Venerabile Massimo Rinaldi

L'Auditorium Santa Scolastica ospiterà l'evento

29/09/2021 10:26 

 

Targa de «I Luoghi del Cuore del FAI» per l'ex Ospedale e S. Antonio Abate

Un convegno istituzionale che ripercorrerà il lavoro del FAI Rieti

29/09/2021 09:50 

 
 

 
   

 

 

Una serata romantica

 

Angela Baek
Angela Baek

 
 
virgolette

«Il cuore ha le sue ragioni, che la ragione non conosce», frase del filosofo Blaise Pascal. Un modo per dire che il cuore dell’uomo sogna altre vie, altri percorsi, non seguiti dalla ragione

     

di Fernando Felli
lunedì 20 settembre 2021 - 08:54


Sabato 18 settembre all'Auditorium S. Scolastica di Rieti si è assistiti ad una serata magica "Caro mio ben...", viaggio nella romanza da camera vocale e strumentale dell'Ottocento. Un'ora di concerto centellinata con cura. Stupenda performance di Angela Baek, soprano, Luca Peverini, violoncello e Tiziana Cosentino, pianoforte.

Sono state eseguite romanze di importanti compositori tra i quali G. Giordani, G. Rossini, G. Verdi, C. Debussy, F. Mendelssohn e F.P. Tosti, massimo esponente che oltre alle sue note, fece risuonare nei salotti italiani e londinesi le parole di importanti poeti, tra cui Gabriele D’Annunzio.

Con la romanza dell’Ottocento la musica interpreta l’amore, questo sentimento romantico, passionale, tribolato, indispensabile. Presto la romanza diventerà una forma d’esecuzione e di svago molto diffusa tra i cultori non professionisti appartenenti alla nobiltà e all’alta borghesia. Durante il XIX secolo, si accentuerà la differenza tra romanza italiana e romanza francese. La prima si ispirava ad un’aria melodrammatica con melodie molto complicate; la seconda si rifaceva al contrasto romantico che spesso rischiava di precipitare in un eccessivo sentimentalismo. Una nota particolare va ad Angela Baek, soprano coreana, che unisce all’alta professionalità l’innata eleganza nel canto.

Nel brano finale “Il Paese del Sud”, molto famoso nella Corea del Sud, è facile notare nel suo volto l’emozione e l’amore autentico verso il suo paese di origine. Luca Peverini, ha inserito il violoncello con personali arrangiamenti. Apprezzabili e di gran pregio i suoi incisi e i suoi giochi di ottave con il canto.

Tiziana Cosentino, rasenta la perfezione nell’accompagnare con il pianoforte le romanze eseguite. Precisa, sensibile, attenta, regala ai due artisti una solida base su cui esprimersi al massimo.

Prossimo concerto del SabinaMusicaFestival 2021, domenica 26 settembre ore 18:00 – Abbazia di Farfa. Sala Schuster. Si esibiranno il duo pianistico Aventaggiato – Matarrese, omaggio alla musica francese.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori