Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Incontriamo Santina Eleuteri e la sua Street Art

Santina Eleuteri

Con la sua arte dipinge sui muri grigi di cemento la storia e le tradizioni di Borgo Velino. Grafica accattivante e soggetti carichi di significato storico

03/09/2021 17:45 

 

L'Arte e la solidarietÓ dell'orchestra 'Insieme per gli altri' incanta Amatrice

L'orchestra 'Insieme per gli altri'

Una serata di grande musica e solidarietÓ grazie all'orchestra di Fiati

28/08/2021 11:01 

 

A Paganico Sabino il concerto dell'Orchestra Giovanile di Jazz di Roma

VerrÓ diretta da Mario Raja

24/08/2021 20:11 

 
 

 
   

 

 

Il viaggio del carro di Eretum nel libro in distribuzione alla mostra

 


 
 
virgolette

Si pu˛ ritirare la copia al desk della mostra

     

dalla Redazione
sabato 24 luglio 2021 - 08:45


Al carro e al ricco corredo funerario del principe di Eretum, in mostra fino al 10 ottobre a Rieti, Palazzo Dosi-Delfini, si aggiunge ora un libro, Strada facendo.

Il lungo viaggio del carro di Eretum, curato da Alessandro Betori e Francesca Licordari con il contributo di archeologi, studiosi e ricercatori della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell’Area metropolitana di Roma e provincia di Rieti, Sabap Frosinone e Latina, Museo Nazionale Romano, Cnr, Università degli Studi di Pavia, Istituto di Studi sul Mediterraneo Antico, Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale. 

Il libro (ed. Il Formichiere, 107 pagine), pubblicato con il contributo della Fondazione Varrone, ripercorre le vicende dell’insediamento di Eretum, terra di incontro-scontro tra Sabini e Romani dai primi tempi della Repubblica, grazie alle scoperte legate alla necropoli di Colle del Forno popolata tra il VII e il III secolo avanti Cristo, e in particolare alla ormai celebre tomba XI. A complicare la “lettura” del sito, all’inizio degli anni Settanta, fu lo svuotamento della tomba e il trafugamento dei reperti più preziosi tra cui i due carri del principe sabino che vi fu deposto. Ma l’ampia gamma degli oggetti presenti fece capire immediatamente agli archeologi di trovarsi di fronte a una tomba di una famiglia di rango eccezionale.

Tutto questo materiale è ora finalmente riunito in un un’unica esposizione – quella di Rieti – in attesa di trovare la sua definitiva collocazione nel Museo Archeologico di Fara Sabina e trova un’ampia ricognizione nel libro dedicato al carro di Eretum, aperto dalle prefazioni della Soprintendente Paola Refice e del presidente della Fondazione Varrone Antonio D’Onofrio, con testi di Marina Angelini, Chiara Arrighi, Enrico Benelli, Alessandro Betori, Massimiliano Di Fazio, Adriana Emiliozzi, Francesca Licordari, Paola Santoro e Stéphane Verger. 

La pubblicazione sarà in distribuzione gratuita da ieri e fino al 10 ottobre per i visitatori della mostra di Palazzo Dosi-Delfini. Chi avesse già visitato l’esposizione, può ritirare la sua copia al desk della mostra. La mostra è aperta tutti i giorni, dal martedì al venerdì, dalle 17 alle 20. L'ingresso è libero, senza bisogno di prenotazione. 

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori