Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Migranti. Sono 629 mila i residenti stranieri nel Lazio: l'80% vive a Roma e provincia

Popolazione quasi raddoppiata in 10 anni ma in flessione nell'ultimo periodo. Crescono gli anziani. La provincia con meno presenze è Rieti

16/06/2021 08:31 

 

Maturità 2021, al via da domani

Il Ministro ai ragazzi: «Affrontate l’Esame con attenzione, ma anche con gioia: comincia una fase nuova della vita»

15/06/2021 18:27 

 

L'infiorata di Poggio Moiano compie 50 anni. Si festeggia in outdoor!

Anche quest'anno un rosone di circa 100 metri quadrati nella piazza centrale

15/06/2021 16:32 

 
 

 
   

 

 

«Bene il tavolo con la città per l'Università a Rieti: era quello che chiedevamo»

 

Antonio D’Onofrio
Antonio D’Onofrio

 
 
virgolette

D’Onofrio: Rieti ha bisogno (e merita) una Università vera

     

dalla Redazione
venerdì 11 giugno 2021 - 19:51


«Accolgo con soddisfazione la decisione del sindaco Antonio Cicchetti di convocare un incontro con i parlamentari e gli assessori e consiglieri regionali per porre con forza il tema di Rieti sede distaccata dell’Università, con corsi accademici non a pagamento, come accade in altre province del Lazio: è esattamente quello che avevo chiesto nella conferenza stampa di lunedì», dichiara il presidente della Fondazione Varrone Antonio D’Onofrio.

«Al netto di spiacevoli polemiche, il dibattito di questi giorni ha avuto il merito di portare all’attenzione anche dell’opinione pubblica le situazioni e le difficoltà su cui i soci del polo universitario discutevano da anni. Un dibattito che infine ci vede allineati sulle stesse conclusioni e precisamente la necessità di rimettere in linea il consorzio razionalizzando le spese e onorando le quote societarie e al contempo rafforzare l’offerta formativa verso il territorio, perché Rieti ha bisogno (e merita) una Università vera».

«Questa d’altronde – aggiunge D’Onofrio - è da sempre la linea della Fondazione Varrone ma diversamente dal passato ora le condizioni perché questo accada ci sono, grazie ai fondi del governo e della Regione e alla volontà dei soci – ribadita da ultimo da Asl, Asi e Ordine degli Ingegneri – di superare suggestioni politiche e personalistiche per lavorare al consolidamento dell’esperienza universitaria reatina. Se per fare questo serviranno risorse aggiuntive, la Fondazione, ancora una volta, non farà mancare il suo apporto».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori