Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Carabinieri Forestali, a Contigliano sequestrato un deposito abusivo di rifiuti speciali

Oltre a macchinari usati in stato di abbandono e pneumatici fuori uso, trovati oltre 1000 litri di olii esausti

16/06/2021 08:43 

 

Roma. Controlli antidroga, sei arresti per spaccio

Due degli arrestati rinchiusi nel carcere di Rieti

15/06/2021 16:40 

 

Contigliano: positivo al Covid in giro per il paese, denunciato

Nei guai un trentacinquenne scoperto dai Carabinieri

15/06/2021 08:14 

 
 

 
   

 

 

Grazie!

 

L'unità di terapia intensiva
L'unità di terapia intensiva

 
 
virgolette

Gratitudine al personale Covid dell'ospedale De Lellis

     

di Alfredo Rauco
marted́ 1 giugno 2021 - 18:39


Mi chiamo Alfredo Rauco, 62 anni e sono stato ricoverato per Covid con insufficienza respiratoria grave e polmonite correlata, dal 26 aprile al 26maggio, i primi due giorni in terapia sub-intensiva poi nel reparto rianimazione Covid e successivamente trasferito nel reparto COVID2 MURG dell'ospedale San Camillo de Lellis di Rieti. Sono stato sempre molto scrupoloso nell'uso costante della mascherina, nel lavaggio continuo delle mani oltre che nell'uso costante dei vari gel disinfettanti, eppure mi sono infettato!

Dopo un leggero mal di gola il mio medico curante ha deciso di farmi effettuare un tampone che è risultato positivo così come quello effettuato dalla mia compagnia il giorno successivo. Entrambi siamo stati subito sottoposti alle cure domiciliari previste dal mio medico curante Dott. Maurizio Rosati (anche se mi rimane difficile chiamarlo Dottore vista l'amicizia veramente fraterna che ci lega da una vita).

Il 26 aprile le mie condizioni si sono aggravate a tal punto da richiedere l'intervento dei medici dell'Uscad ed il successivo ricovero. Scrivo questa mia lettera spinto da un doveroso, profondo e sincero sentimento di stima e di riconoscenza nei confronti di tutto il personale ospedaliero: operatori socio sanitari, infermieri e medici. Troppo spesso la nostra attenzione è accesa su casi di malasanità ma è fondamentale anche ricordare l'impegno, le capacità, la professionalità e soprattutto l’umanità di tutto il personale citato che si è prodigato a tutte le ore per alleviare gli inevitabili disagi della malattia, sempre con cortesia e con il sorriso.

Non posso non citare i nomi di quelle persone che sono state i miei «angeli custodi» (scusandomi sin d'ora con tutti per eventuali errori e/o omissioni). Gli operatori socio sanitari Michela Micheli, Enrica Sabetta, Katia Bufalini, Angela Tenerelli, Maila e Claudia Angelini. Gli infermieri Luca Panunzi, Marco, Matteo ed un particolare ringraziamento ad Anna Buzzi, sorella di una amichetta di mia figlia, che ho visto crescere e diventare infermiera e che è stata l'anello di collegamento iniziale ed indispensabile tra me ed i miei familiari.

È stata il nostro piccolo "raggio di sole" in un periodo tanto buio. Ringrazio sentitamente tutti i Dottori dei reparti di terapia intensiva Covid- Sub intensiva COVID e MURG COVID 2 perché grazie alle loro cure sono potuto finalmente tornare a casa e riabbracciare la mia famiglia.

Ed infine non posso non citare colui che costantemente, come un angelo custode, ha seguito l'evoluzione della situazione sanitaria mia e della mia famiglia appartenente al servizio Sisp della Asl di Rieti: Gianluca per noi diventato, pur non avendolo mai conosciuto, un componente della nostra famiglia oltre che a Carla. Un grazie dal profondo del cuore per quello che siete e ciò che fate quotidianamente! Siete stati eccezionali! Con doverosa riconoscenza. 

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori