Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Migranti. Sono 629 mila i residenti stranieri nel Lazio: l'80% vive a Roma e provincia

Popolazione quasi raddoppiata in 10 anni ma in flessione nell'ultimo periodo. Crescono gli anziani. La provincia con meno presenze è Rieti

16/06/2021 08:31 

 

Maturità 2021, al via da domani

Il Ministro ai ragazzi: «Affrontate l’Esame con attenzione, ma anche con gioia: comincia una fase nuova della vita»

15/06/2021 18:27 

 

L'infiorata di Poggio Moiano compie 50 anni. Si festeggia in outdoor!

Anche quest'anno un rosone di circa 100 metri quadrati nella piazza centrale

15/06/2021 16:32 

 
 

 
   

 

 

Rieti, i Carabinieri rendono omaggio a Raoul Angelini

 

La targa in memoria
La targa in memoria

 
 
virgolette

Eroe senza gloria che a 21 anni fu torturato ed ucciso nelle campagne di Morro Reatino e al quale è intitolata la sede del Comando Provinciale

     

dalla Redazione
lunedì 31 maggio 2021 - 12:37


I Carabinieri di Rieti onorano la memoria di Raoul Angelini, giovane Carabiniere che nasce il 14 dicembre 1923 a Terni, da Orlando e Lucia Fioravanti, al quale è intitolata la caserma di via Giulio De Juliis sede del Comando Provinciale.

Durante la seconda guerra mondiale Raoul Angelini presta servizio come Carabiniere presso la Stazione di Rivodutri e dopo l'8 settembre, in un clima di generale confusione, viene ucciso per essere rimasto fedele al giuramento prestato. Il 24 maggio 1944 si consegna alle autorità dopo che un bando assicurava l'impunità a coloro che si fossero presentati alle autorità militari.

Il contesto è quello del drammatico sbandamento tra riorganizzazione dei vari schieramenti e rappresaglie, in uno dei momenti più duri attraversati dalla provincia. Da documenti ufficiali sappiamo che il 24 maggio riprende servizio presso la caserma di Rieti e, dopo essere stato arrestato, muore da eroe nel territorio di Morro Reatino rifiutandosi di tradire il giuramento prestato, dopo essere stato sottoposto a tremende sevizie. Barbaramente ucciso il 1° giugno successivo con una raffica di mitra alla testa mentre viene fatto camminare lungo un sentiero.

Da alcuni documenti emergono le terrificanti torture inflitte ad un giovane Carabiniere non meglio identificato, ma si tratta probabilmente di Raoul Angelini: «… lo presero e lo fucilarono … prima tagliarono sotto i piedi con la baionetta, poi ci misero del sale … poi gli cavarono un occhio con la baionetta ... lo straziarono …».

Angelini, nonostante non sia stato decorato, nella memoria collettiva delle comunità del reatino e del ternano, è ricordato ancora oggi come un grande uomo che ha contribuito alla nascita della Repubblica Italiana e alla sua costituzione democratica.

Il Comando di Rieti è a lui intitolato e, per rendere ancora più forte il suo ricordo, oggi il Comandante Provinciale Colonnello Bruno Bellini, ha deciso di affiggere la fotografia dell’Eroe senza gloria al fianco della targa a lui dedicata, nell’ingresso della caserma.  

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori