Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

A Marcell Jacobs piace l’amatriciana, arriva l'invito a gustarla ad Amatrice

Marcell Jacobs

«Sarebbe un grandissimo onore per noi ospitare Jacobs» dicono dagli uffici comunali

04/08/2021 13:32 

 

Nuove regole per l’accesso alla Biblioteca Comunale Paroniana e al Museo Civico

Da venerdì prossimo necessario il Green Pass

04/08/2021 13:26 

 

Caccia, arriva l'indennizzo ai proprietari per servitù venatoria

Approvato dalla Regione Lazio un'emendamento del M5S

04/08/2021 08:37 

 
 

 
   

 

 

«Basta con i tagli al servizio educativo domiciliare!»

 

© Il municipio di Rieti
© Il municipio di Rieti

 
 
virgolette

Un gruppo di famiglie scrive al sindaco ed all'assessore ai servizi sociali per chiedere il ripristino dell'assistenza ai ragazzi con difficoltà

     

di Francesco Saverio Pasquetti
venerdì 21 maggio 2021 - 19:04


Si firmano «Famiglie in cordata... per loro!» alcuni nuclei familiari del capoluogo che con una lettera aperta stigmatizzano l'ennesimo taglio operato dal Comune al cosiddetto servizio “S.E.D.”, il Servizio Educativo Domiciliare che la legge quadro di settore – la 104 – garantisce a livello nazionale, demandando ai comuni la sua attuazione concreta.

«Un fatto gravissimo – denunciano le “Famiglie in cordata” appoggiate da alcune importanti associazione di volontariato del territorio della rete “Non sei solo” (Alcli, Amar Centro Angelita, Colora l'arcobaleno) - che si sta consumando in queste settimane a danno dei nostri figli sofferenti di differenti disabilità, a causa delle scelte politiche gestionali dell’Amministrazione comunale».

Poi aggiungono: «già in passato alcune famiglie hanno visto negarsi il Servizio educativo domiciliare nonostante ripetute e documentate richieste, altre hanno visto ridurre ulteriormente le ore a disposizione dei minori (minimo storico di 2 ore settimanali) previste e garantite dalla Legge 104/92 e s.m.i. su tutto il territorio nazionale e la cui regolamentazione è stata appunto demandata agli Enti locali».

Un servizio fondamentale, quello del SED, rivolto alle persone diversamente abili, come dello spettro autistico e neurodiversità, che grazie ad azioni realizzate a domicilio ha lo scopo di favorire il miglioramento della qualità di vita della persona e delle loro famiglie. Tutto ciò contro l’emarginazione sociale e l’isolamento, sostenendo i giovani e le loro famiglie.

Un grave errore, per i firmatari della lettera, ridurre il servizio in tempo di pandemia: «È certamente paradossale che in un momento storico creato dalla pandemia con notevoli e gravi livelli di malessere, proprio per i soggetti già di per sé sofferenti in particolare i bambini e i giovani, invece di implementare tale strumento di sostegno, questo Comune, diversamente da altri, decida di ridurre questi interventi di supporto».

Di qui la domanda provocatoria: «Come è possibile che questo avvenga e si abbandonino soggetti giovani fragili e le loro famiglie obbedendo solo a criteri di risparmio economico?».

Forte e chiara la richiesta a sindaco, assessore ed intera amministrazione comunale (la missiva è inviata anche al presidente dell'assise): «Chiediamo a gran voce che il Comune attivi le ore a disposizione per i progetti educativi domiciliari in particolari per i minori secondo lo spirito e l'obiettivo della norma».

Una richiesta di partecipazione ed una proposta di progettualità, infine: «domandiamo di partecipare al tavolo di concertazione nella stesura del Piano Sociale di zona affinché abbiano voce e siano rappresentati i diritti di tutti i giovani/e di questo territorio. Crediamo che sia possibile reperire i fondi e studiare nuove strategie e progettualità che coniughino le esigenze economiche e con le buone pratiche di assistenza e cura della persona per il raggiungimento del bene comune».

L'appello è lanciato: la parola ora a Cicchetti e Palomba.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori