Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Carabinieri Forestali, a Contigliano sequestrato un deposito abusivo di rifiuti speciali

Oltre a macchinari usati in stato di abbandono e pneumatici fuori uso, trovati oltre 1000 litri di olii esausti

16/06/2021 08:43 

 

Roma. Controlli antidroga, sei arresti per spaccio

Due degli arrestati rinchiusi nel carcere di Rieti

15/06/2021 16:40 

 

Contigliano: positivo al Covid in giro per il paese, denunciato

Nei guai un trentacinquenne scoperto dai Carabinieri

15/06/2021 08:14 

 
 

 
   

 

 

Per il ristorante più antico di Roma vietati i tavoli all’esterno

 

L'esterno del ristorante 'la Campana'
L'esterno del ristorante 'la Campana'

 
 
virgolette

Trancassini: la Campana non può riaprire

     

di M. S. N.
lunedì 10 maggio 2021 - 16:30


La Campana, il ristorante più antico di Roma e forse del mondo dopo oltre 500 anni di attività non può aprire per diniego del I Municipio.

«Il nostro ristorante ha attraversato secoli di storia resistendo ad epidemie e guerre, ma questa volta rischia di non sopravvivere. Abbiamo provato a superare con grande dignità la prima fase della pandemia, ci siamo adeguati a tutte le normative per il distanziamento all’interno del ristorante e per offrire un servizio sicuro ai nostri clienti ma adesso, a distanza di oltre un anno dalla prima chiusura ci troviamo ad affrontare un ostacolo inverosimile: il primo Municipio di Roma ha deciso di proibirci l’uso dei tavoli all’aperto, che non intralciavano e non infastidivano nessuno, utilizzando peraltro riferimenti normativi propri della grande viabilità cittadina, a noi che siamo in un vicolo». Lo dichiara in una nota Paolo Trancassini, proprietario de La Campana di Roma. 

«Un atto inopportuno ed illegittimo, che abbiamo già impugnato, ma che di fatto ci toglie l’unica possibilità di dare continuità alla nostra storia che dura da oltre 500 anni. Un atto cattivo, una vergogna che colpisce anche i nostri dipendenti e la filiera di aziende che c’è dietro di noi. Un atto ostile che non tiene conto del fatto che anche “La Campana” è Roma e tutti gli atti contro aziende come le nostre, sono atti contro Roma. Non bastava il covid, la esiguità dei “ristori”, le regole stringenti alle quali ci siamo (inutilmente) adeguati, l’assurdità di orari incomprensibili, il coprifuoco di medioevale memoria, la proibizione dell’uso dei tavoli all’interno del locale – conclude Trancassini - ... no, non bastava». 

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori