Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Carabinieri Forestali, a Contigliano sequestrato un deposito abusivo di rifiuti speciali

Oltre a macchinari usati in stato di abbandono e pneumatici fuori uso, trovati oltre 1000 litri di olii esausti

16/06/2021 08:43 

 

Roma. Controlli antidroga, sei arresti per spaccio

Due degli arrestati rinchiusi nel carcere di Rieti

15/06/2021 16:40 

 

Contigliano: positivo al Covid in giro per il paese, denunciato

Nei guai un trentacinquenne scoperto dai Carabinieri

15/06/2021 08:14 

 
 

 
   

 

 

Percepiscono indebitamente il reddito di cittadinanza: denunciati in 18

 


 
 
virgolette

Sempre attivi i controlli del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rieti

     

dalla Redazione
mercoledì 5 maggio 2021 - 17:33


Proseguono senza sosta, nell’ambito delle attività finalizzate al controllo e alla tutela della spesa pubblica nazionale, i controlli del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rieti tesi a scovare i furbetti del reddito di cittadinanza e, in particolare, coloro che, pur di ottenere il beneficio economico, non hanno esitato a fornire dichiarazioni mendaci sulla propria reale situazione economica.

Gli accertamenti effettuati dai Finanzieri del Gruppo Rieti hanno evidenziato una variegata casistica di omissioni dichiarative tutte, però, accomunate dall’obiettivo finale di non superare il limite di reddito, stabilito dalla normativa, pari ad euro 9.360.

Le false attestazioni nella compilazione delle Dichiarazioni Sostitutive Uniche per il rilascio dell’ISEE hanno, tra l’altro, riguardato, la mancata indicazione di possidenze immobiliari, diverse dalla casa di abitazione, di valore superiore alla soglia di euro 30.000, ovvero la composizione del nucleo familiare. In altri casi, infine, i percettori sono risultati intestatari di autoveicoli immatricolati la prima volta nei sei mesi antecedenti la richiesta di ammissione al beneficio in parola, facendo così venir meno uno dei requisiti reddituali e patrimoniali previsti per la concessione dello stesso, in riferimento al godimento di beni durevoli.

All’esito dei controlli effettuati, i diciotto soggetti, allo stato, individuati sono stati deferiti alla competente Autorità Giudiziaria per il reato di truffa e false dichiarazioni rese in “autocertificazione”.

Grazie alla sinergia ed alla preziosa collaborazione della locale sede INPS è stata avviata la procedura per l’immediata interruzione dell’erogazione con contestuale recupero di quanto indebitamente percepito dai soggetti segnalati, complessivamente pari a 132.325 euro.

La costante attenzione della Guardia di Finanza alla tutela del cittadino, continua, quindi, ad opera dei Finanzieri del Gruppo di Rieti, impegnati quotidianamente non solo nel perseguimento degli obiettivi Istituzionali di contrasto all’evasione fiscale ed all’economia sommersa, ma anche quale Polizia Economica-Finanziaria attenta ai riflessi sociali di ogni attività illecita perpetrata a danno della popolazione e delle positive realtà economiche che operano nella legalità.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori