Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Raccolta oli esausti, il Comune lavora all’affidamento del servizio

Valentini e Sinibaldi: «opportunità di tutela ambientale e di green economy»

15/05/2021 09:50 

 

International Chocolate Awards: medaglia d’oro mondiale per Giacomo Bellantoni

Giacomo Bellantoni

Il reatino porta a casa ben dieci medaglie

15/05/2021 09:34 

 

Effetto pandemia a Rieti e provincia:aumentano disagio sociale e disuguaglianze

Ma è forte la voglia di farcela

14/05/2021 15:39 

 
 

 
   

 

 

Le comunità «Laudato si'» sbarcano sull'Osservatore Romano

 


 
 
virgolette

Pompili e Petrini: «Ogni lunedì si racconteranno da queste colonne»

     

dalla Redazione
martedì 27 aprile 2021 - 09:00


Le Comunità Laudato si', animate dal vescovo di Rieti, Domenico Pompili che ne è anche  il 'padre' e dal fondatore di Slow food Carlin Petrini, sbarcano sull'Osservatore Romano.

«Ogni lunedì - annunciano Pompili e Petrini sul quotidiano d'Oltretevere - le Comunità Laudato si' si racconteranno da queste colonne. Diventerà forse più chiara così la storia degli effetti di una Enciclica, destinata a cambiare la vita della 'casa comune’». Dopo il lancio, avvenuto presso la Pontificia Università Gregoriana, nel marzo 2018, sono nate già 60 le Comunità Laudato si'.

«Si va da Novara a Milano, da Forlì a Incisa Valdarno, da Amatrice-Accumoli a Castel Gandolfo, da Trecase a Torremaggiore, da Gela a Nuoro, solo per citarne qualcuna su e giù per la Penisola. Le ultime tre nate - raccontano Pompili e Petrini - sono Trento, Ponzano Veneto, Maddaloni. Siamo solo agli inizi, ma è un segnale incoraggiante vedere migliaia di persone pronte a fare qualcosa di concreto. Il progetto è semplice e si sviluppa su tre orientamenti strategici. Il primo è 'pensare globalmente e agire localmente', cioè non subire la globalizzazione ma interpretarla; il secondo è 'dare senza perdere, prendere senza togliere', cioè introdurre un altro rapporto tra energia e consumi; il terzo è 'imparare facendo', cioè uscire dall'accademia e provare a cambiare il volto dei nostri territori».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori