Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Maltempo, Protezione Civile Lazio: allerta meteo da domani pomeriggio e per 18 ore

Criticità idrogeologica e idrogeologica per temporali gialla su tutte zone allerta

10/05/2021 16:36 

 

Per il ristorante più antico di Roma vietati i tavoli all’esterno

L'esterno del ristorante 'la Campana'

Trancassini: la Campana non può riaprire

10/05/2021 16:30 

 

Grazie!

«Non andare in cerca di chissà quali luminari in altre città»

09/05/2021 16:22 

 
 

 
   

 

 

«Speriamo che il Covid vi ammazzi», minacce ad Arcigay Rieti

 


 
 
virgolette

Mattia (Pd): «Solidarietà al presidente»

     

dalla Redazione
venerdì 16 aprile 2021 - 14:42


«Speriamo che il Covid vi ammazzi». Questa la minaccia giunta via lettera al presidente dell'Arcigay di Rieti Domenico Di Cesare.

«Sono appena passato a ritirare questa lettera, che porto subito in Questura, e parte del testo lo ometto, troppo schifo - scrive su Fb Di Cesare - Potrei stare ore a scrivere di mail di preti o presunti tali che ci mandano all'inferno, di insulti e minacce sui social, di cinque ragazzi che il 27 gennaio dopo la manifestazione sull'omocausto in piazza mi hanno insultato, della scritta 'arcigay' strappata sul citofono di ARCI e tanto altro che non posso rendere noto. La società cambia, anche se ci vuole tempo, ma queste persone continuano a essere dei poveracci».

«Esprimo la mia vicinanza a Domenico Di Cesare, Presidente Arcigay Rieti, che nella giornata di ieri ha ricevuto una lettera anonima a contenuto omofobico. Ringrazio Domenico per aver denunciato l'accaduto e per il grande lavoro che svolge quotidianamente sul territorio per costruire comunità sempre più inclusive e accoglienti». Così in una nota Eleonora Mattia, Presidente IX Commissione pari opportunità e politiche giovanili del Consiglio Regionale del Lazio.

«Intimidazioni come queste non vanno sottovalutate perché sono tutte sintomo di un clima di odio e intolleranza che non è più accettabile. Per questo anche come Consiglio regionale, per quanto di nostra competenza, stiamo lavorando a una proposta di legge per contrastare e prevenire le discriminazioni omotransfobiche di cui ieri è iniziato l'esame in IX Commissione. L'auspicio è che si proceda velocemente anche a livello nazionale con l'approvazione del DDL Zan così da poter garantire la massima tutela e la piena dignità sociale a tutte le cittadine e i cittadini del Lazio e non, contribuendo con l'azione legislativa ad accompagnare un cambiamento sociale non più rimandabile», conclude.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori