Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Da dormitorio di fortuna a galleria d'arte a cielo aperto. A Rieti un progetto di riqualificazione urbana

Forever Green. I murales sono stati realizzati da artisti del territorio

26/07/2021 18:49 

 

Aps: i sindaci eleggono all’unanimità i nuovi organi sociali

Nel CdA riconfermato Maurizio Turina, entrano Paolo Quercioli e Daniela Guidi. Eletti all’unanimità anche il Collegio sindacale e il Comitato di Controllo Analogo

26/07/2021 17:54 

 

Paolo Ruffini al Museo Civico Archeologico di Fara in Sabina

Paolo Ruffini a Fara in Sabina

Cuneo: lo ringrazio «per la curiosità e l’attenzione che ha dimostrato per il nostro Museo»

24/07/2021 18:44 

 
 

 
   

 

 

Covid, il vescovo di Rieti: «C'è una depressione che si taglia a fettine»

 

© Mons. Domenico Pompili
© Mons. Domenico Pompili

 
 
virgolette

Pompili: «Non fatevi abbrutire dalla paura, non lasciatevi inibire dalla paura, non rassegnatevi»

     

dalla Redazione
lunedì 5 aprile 2021 - 09:02


«C'è una depressione in giro, al netto del Covid, che si taglia a fettine». Lo ha sottolineato il vescovo di RIETI, mons. Domenico Pompili alla Veglia di Pasqua. «Ma non c'è solo una mancanza di vita: è anche un'assenza della percezione della morte», ha osservato.

E, l'insieme delle due cose, ha denunciato, «fa sì che la nostra sia una generazione rinunciataria, che ha ormai messo da parte questo aspetto e ritenendo superflua l'ipotesi di Dio. Per interpretare la vita e la morte, finisce per accontentarsi di surrogati, delle varie forme di dipendenza». Non è così per chi cerca Gesù, ha osservato il presule. Come presto scoprono le donne, non lo si trova nei luoghi della morte: 'Il crocifisso è risorto, non è qui'.

Da qui il monito di Pompili: «Non fatevi abbrutire dalla paura, non lasciatevi inibire dalla paura, non rassegnatevi. Continuate a cercare perché la differenza fondamentale non è tanto tra credenti e non credenti nella Pasqua. La vera differenza è tra coloro che cercano e quelli che hanno smesso di cercare. Ricercatori si trovano anche tra quelli che dicono di non credere. E si trovano, ovviamente, anche tra quelli che credono. Ma è importante capire se noi siamo ancora cercatori o se abbiamo ormai deciso di non cercare più niente. Cercare è il segno che non ci sentiamo ancora rassegnati, ma abbiamo il desiderio di bene».

 

 

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori