Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Aci rafforza i servizi nel Reatino con nuovi presidi

Sub agenzia Sara a Passo Corese e Magliano

08/05/2021 09:38 

 

Il carro di Eretum in mostra a Rieti

La cultura più forte della pandemia

07/05/2021 20:26 

 

Vaccini: domani e domenica open day over 50 a Rieti

Pronto il vaccino AstraZeneca

07/05/2021 19:43 

 
 

 
   

 

 

Innovazione tecnologica ed imprenditoria solidale in zona rossa

 


 
 
virgolette

I digital screen dell’azienda Segecopiù consentono la sospensione dei pagamenti durante il lockdown

     

dalla Redazione
mercoledì 31 marzo 2021 - 18:20


La pandemia ha messo a dura prova l’imprenditoria italiana, ma soprattutto nei momenti difficili gli imprenditori riescono a reagire mettendo in campo idee e comportamenti etici e solidali tra le imprese. L’azienda Segecopiù di Matteo Targusi ha deciso di dare una mano alle imprese che hanno aderito alle campagne sui DiGital Screen, la nuova generazione di impianti pubblicitari digitali, che portano anche in una piazza reale e non solo virtuale, le potenzialità del digitale.

Questa nuova tecnologia consente alle imprese di inserire in tempo reale: immagini grafiche, mp4, informazioni, notizie, meteo, ora esatta, eventi con la possibilità di costanti e repentine modifiche.

Una nuova era della pubblicità che consente di sospendere e riattivare campagne pubblicitarie e il giovane pubblicitario Matteo Targusi ha deciso, anche in virtù di questa opportunità tecnologica,  di interrompere i pagamenti per  tutte le aziende che avevano già acquistato uno spazio nel Circuito Urban TV della Segecopiù, in tutti i periodi di zona rossa.

«Se non c’è circolazione di auto e persone, come previsto in zona rossa, non ritengo giusto far pagare la pubblicità alle aziende che hanno scelto il nostro circuito tecnologico – commenta Matteo Targusi figlio dello storico pubblicitario Bruno Targusi – grazie ai valori etici che mi ha trasmesso mio padre in questo settore da quasi mezzo secolo, so perfettamente che in momenti di crisi dobbiamo aiutarci e sostenerci altrimenti diventa solo una guerra tra poveri».

La scelta del pubblicitario è stata molto apprezzata dalle aziende coinvolte nel circuito.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori