Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Il Consorzio «Salaria č» presente al BIT di Milano con un solo click

Molte le strutture consorziate del nostro territorio: dalla Valle Falacrina alle Montagne del Parco Nazionale della Laga

09/05/2021 09:46 

 

Aci rafforza i servizi nel Reatino con nuovi presidi

Sub agenzia Sara a Passo Corese e Magliano

08/05/2021 09:38 

 

Il carro di Eretum in mostra a Rieti

La cultura piů forte della pandemia

07/05/2021 20:26 

 
 

 
   

 

 

Fosse Ardeatine: l’Anpi Pescara ricorda due partigiani

 


 
 
virgolette

Omaggio a Ciavarelli e Finamore, combattenti in territorio d’Abruzzo

     

dalla Redazione
mercoledě 24 marzo 2021 - 19:08


In una nota Anpi Pescara ricorda due partigiani trucidati alle Fosse Ardeatine di cui ricorre il 77/o anniversario. Si tratta di Francesco Ciavarella e Loreto Finamonti, due dei 335 assassinati dai nazifascisti.

«Benché non originari della nostra regione, con modalità differenti operarono in Abruzzo fornendo un importante contributo alla sconfitta del nazifascismo - scrive l'Anpi - grazie alla preziosa ricerca di Fabrizio Nocera, pubblicata in questi giorni, è stato possibile ricostruire l’attività partigiana di Ciavarella e Finamonti nelle nostre terre. Nato a Pistoia il 7 gennaio 1917, Francesco Ciavarelli guidò la banda "Abruzzi" (dopo l'assassinio alle Fosse Ardeatine, banda "Ciavarella"), facente parte del Raggruppamento Bande Movimento Comunista d'Italia, meglio noto con il nome del suo giornale "Bandiera Rossa", ed operante in diverse aree della nostra regione. Dopo aver preso parte ai combattimenti per la difesa di Roma alla Cecchignola e a Porta San Paolo, spostò il suo campo d'azione nelle zone più impervie dell'Abruzzo, compiendo rischiose azioni di sabotaggio e di guerriglia ed attraversando più volte le linee nemiche al fine di favorire il raggiungimento di ex prigionieri di guerra, antifascisti e ricercati nella zona già liberata: catturato il 21 febbraio 1944, fu condotto e torturato nella prigione di via Tasso, infine trucidato alle Fosse Ardeatine il 24 marzo successivo».

«Loreto Finamonti era nato il 20 dicembre 1900 in provincia di Rieti, a Nespolo, dove rivestiva la carica di podestà: fu arrestato su delazione perché aiutò ed ospitò inglesi e americani e perché aveva fornito, e forniva, sostenimento ai partigiani della zona, tra cui la banda Turanense guidata da Carlo Laurenzi. Finamonti fu condotto a Roma, nella prigione di via Tasso, dove verrà seviziato prima dell'uccisione alle Fosse Ardeatine il 24 marzo 1944. A distanza di 77 anni, ANPI Pescara intende rendere il giusto riconoscimento a due uomini che rischiarono la propria vita per la libertà e per il riscatto morale dell'Italia».

 

 

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori