Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Casperia, i carabinieri salvano un uomo da un'aggressione

Identificati e denunciati tre fratelli per violenza privata e minaccia aggravata

23/07/2021 07:32 

 

Traffico, da lunedì 26 luglio sarà attivo il varco di Via Garibaldi, altezza Teatro Vespasiano

Domeniconi: per alcuni giorni in via sperimentale

22/07/2021 15:29 

 

Cantalice, denunciato per truffa un falso dipendente della società Sisal

25enne di origine calabrese raggia un proprietario di un bar del luogo

22/07/2021 08:18 

 
 

 
   

 

 

Carabinieri di Poggio Mirteto, due arresti

 


 
 
virgolette

Fermati un polacco colpito da mandato di arresto europeo ed un filippino a seguito di Ordinanza emessa dalla Procura di Roma

     

dalla Redazione
martedì 23 marzo 2021 - 10:34


Nel corso di serrati controlli a seguito di predisposti servizi per garantire maggiore presenza sul territorio, i Carabinieri della Compagnia di Poggio Mirteto hanno eseguito due arresti.

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia mirtense, nel corso di specifici posti di blocco, hanno fermato a Borgo Quinzio di Fara in Sabina, un’autovettura condotta da un 40enne polacco, regolarmente residente in Italia. La persona, durante il controllo, faceva trapelare un certo nervosismo che ha indotto i militari ad approfondire gli accertamenti, condotti anche con la fattiva collaborazione della Direzione Centrale della Polizia Criminale – Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del Ministero dell’Interno, dove è emerso che l’uomo,  sin dal dicembre 2002, era colpito da un mandato di arresto Europeo emesso dal Tribunale Regionale di Busko Ozdroj (Polonia), dovendo scontare una pena di anni 2 e mesi 2 di reclusione, poiché condannato per lesioni gravi, a seguito di sinistro stradale provocato dallo stesso in Polonia, mentre era alla guida di una autovettura in stato di accertata ebbrezza alcoolica.

I militari, hanno così provveduto a dare seguito alla richiesta di arresto provvisorio ai fini estradizionali e tradotto il predetto in carcere, a disposizione del Presidente della Corte d’Appello di Roma, competente per la convalida dell’arresto.

I militari della Stazione di Castelnuovo di Farfa, a seguito dell’emissione di un’Ordinanza di espiazione della pena emessa dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma nei confronti di un giovane cittadino filippino del luogo, hanno immediatamente dato luogo alle ricerche dell’uomo che veniva rintracciato nel Comune di Frasso Sabino. Il giovane era stato condannato in via definitiva alla pena di 4 anni di reclusione poiché ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, commesso in Roma nell’aprile del 2020.

L’uomo, già noto alle Forze di Polizia, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Velletri, ove dovrà scontare la pena detentiva.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori