Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Regione Lazio: ripristino sistema prenotazione vaccini e anagrafe vaccinale entro 72 ore

Il palazzo della Regione Lazio

Questa notte i sistemi informativi della Regione hanno subito e respinto l’ennesimo attacco

03/08/2021 18:18 

 

Spento dai Vigili del fuoco l'incendio a Corvaro

Alle fiamme sterpaglie, in pericolo lo svincolo autostradale sulla SS 579 Cicolanense

03/08/2021 17:01 

 

Asl Rieti: «Tra i 141 nuovi positivi di luglio, colpiti soprattutto giovani e giovanissimi»

«Decisiva la vaccinazione per evitare aumento della curva dei contagi»

03/08/2021 16:57 

 
 

 
   

 

 

Abusò di alcune pazienti nell’esercizio delle sue funzioni, medico reatino della Asl di Rieti condannato

 

© Il tribunale di Rieti
© Il tribunale di Rieti

 
 
virgolette

D’Innocenzo: «Celebrare l’8 marzo per ricordare che continuano a perdurare le discriminazioni e le violenze sulle donne»

     

dalla Redazione
lunedì 8 marzo 2021 - 19:14


Nel 2017 un medico della Asl di Rieti aveva posto in essere, nei confronti di due giovani donne sue pazienti, gravi condotte di violenza sessuale nell’esercizio delle sue funzioni.   

Denunciato e sospeso dal servizio, l’uomo è stato chiamato a rispondere delle gravi e penalmente rilevanti condotte. La Asl di Rieti, vista la gravità degli atti, si è costituita parte civile nel processo, anche rispetto agli evidenti danni subiti, tra cui quelli di immagine.    

Oggi, all’attenzione del Direttore Generale della Asl di Rieti Marinella D’Innocenzo è arrivata la sentenza di condanna, con la pena finale di 2 anni e 8 mesi e il risarcimento dei danni.  

«Credo che la sentenza emessa dal Tribunale di Rieti, il cui verbale mi è stato recapitato proprio in queste ore in cui si celebra la Giornata internazionale della donna – sottolinea il Direttore Generale della Asl di Rieti Marinella D’Innocenzo -  sia il modo migliore per ricordare che nonostante le conquiste sociali, economiche e politiche che ci sono state in questi anni, continuano a perdurare le discriminazioni e le violenze sulle donne. Una brutta storia ci ha toccato da vicino, un fatto gravissimo che giustamente è stato condannato. Il mio primo pensiero va alle vittime delle violenze e degli abusi, che purtroppo nessuna sentenza potrà mai risarcire, ma anche ai tanti operatori della nostra Azienda che ogni giorno svolgono il proprio lavoro con professionalità e umanità. Le azioni di una sola persona, non devono minare la fiducia dei cittadini verso l'Istituzione, ma ci devono impegnare e far riflettere, sulla necessità di affrontare il fenomeno della violenza sulle donne, vera emergenza sociale e civile del nostro Paese».  

Lo comunica la Direzione Aziendale della Asl di Rieti .

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori