Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Diede fuoco e uccise il compagno, rinviata a giudizio dal Gup di Rieti

Confermata l'imputazione di omicidio volontario premeditato e pluriaggravato

12/04/2021 09:21 

 

Covid: Amatrice rischia la zona rossa

Il vicesindaco: «disastroso»

12/04/2021 09:18 

 

Configni, i Carabinieri denunciano 13 persone che preparavano un «rave party»

I giovani entrano in un capannone di proprietà del Comune

12/04/2021 08:24 

 
 

 
   

 

 

Covid, caos al Terminillo: il M5S contro la decisione di Speranza

 


 
 
virgolette

«E ora chi risarcirà gli acquirenti?», si domanda uno dei principali gestori degli impianti

     

dalla Redazione
lunedì 15 febbraio 2021 - 07:51


La decisione del Ministro della Salute, Roberto Speranza, di prorogare la chiusura degli impianti sciistici fino al prossimo 5 marzo, che arriva a poche ore dalla riapertura degli impianti di discesa, getta nel caos la stazione Montana del Terminillo, nel Reatino, principale località sciistica del Lazio, dove in previsione della riapertura di domani la vendita degli skipass aveva fatto registrare il tutto esaurito.

«E ora chi risarcirà gli acquirenti? - si domanda uno dei principali gestori degli impianti della montagna reatina - siamo arrabbiatissimi. Queste sono decisioni prese da dilettanti allo sbaraglio. Chiudere la sera per la mattina? Prima ci hanno detto che in zona gialla si poteva aprire, e poi stoppi tutto a poche ore? Ma come si fa. Questo ci distrugge ancora di più».

E ad alimentare le polemiche, anche politiche, che alzano la tensione sul neonato governo Draghi, arriva a stretto giro il post pubblicato su Facebook dal deputato reatino del Movimento 5 Stelle Gabriele Lorenzoni, referente dei Grillini nella provincia laziale: «Sembra non avere senso la decisione di tenere chiusi gli impianti da sci così dalla sera alla mattina. Si potevano dare 3-5 giorni di tempo almeno per potersi organizzare - ha scritto il parlamentare pentastellato - Ora, si daranno tutti i ristori possibili. Però questo fa capire una cosa: che il decisore politico (in questo caso, il Ministro della Salute) agisce sulla base di input che noi non conosciamo. La situazione potrebbe essere molto più grave di quello che sembra, e magari voi, nelle stesse condizioni e senza asimmetrie informative, alla fine avreste preso la stessa decisione».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori