Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

I carabinieri forestali ancora una volta impegnati nel rilevare lo stato di salute delle foreste reatine

Gli agenti all'opera

La tutela e difesa dell’ambiente passa anche per lo studio dei nostri boschi

29/09/2021 11:12 

 

Vigili del fuoco, ritrovato il 78enne disperso a Turania

L'uomo ritrovato questa mattina

L’uomo questa mattina stava percorrendo un sentiero

29/09/2021 11:07 

 

Partite questa mattina le prime terze dosi agli over 80 anni del Lazio ospiti nelle RSA

La signora Valentina

Entro qualche giorno avvio somministrazione anche ad operatori sanitari e estensione a tutti gli over 80

28/09/2021 12:33 

 
 

 
   

 

 

Carabinieri, denunciate quattro persone per disastro doloso e disastro ambientale

 


 
 
virgolette

Scoperta un’intensa attività illecita di accumulo di rifiuti speciali e pericolosi

     

dalla Redazione
venerdì 5 febbraio 2021 - 18:30


«Nell’ambito di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Rieti, i Carabinieri del 16° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Rieti hanno deferito in stato di libertà 4 persone, indagate in concorso fra loro per i reati di disastro doloso e disastro ambientale». È quanto si legge in una nota del Procuratore della Repubblica Lina Cusano Piro.

«L’attività scaturisce da un’articolata indagine che, iniziata nel febbraio 2019 è stata svolta sia con metodologie tradizionali che attraverso la peculiare attività di sorvolo svolta dal Nucleo Elicotteri. Essa – prosegue la nota - ha permesso di individuare e documentare un’intensa attività illecita di accumulo di rifiuti speciali e pericolosi, realizzato in mancanza di autorizzazione in zona sottoposta a vincolo ambientale e paesaggistico, che portava dunque al sequestro dell’area interessata».

«A carico degli indagati i CC hanno raccolto un solido quadro indiziario che ha delineato l’esistenza di un fenomeno di ampie dimensioni, caratterizzato dalla reiterazione delle condotte di raccolta e interramento di rifiuti speciali e pericolosi, in dispregio delle più elementari regole di rispetto della salute pubblica prima ancora che dell’ambiente. In particolare, sono stati rinvenuti residui carbonizzati di materiale rae, plastico ovvero di ulteriore diversa natura non meglio classificabile in quanto presenti nel terreno in sequestro sminuzzati ed interrati. La Procura della Repubblica approfondirà la sussistenza dell’eventuale ulteriore ipotesi di inquinamento ambientale», sottolinea il Procuratore Cusano Piro.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori