Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Diede fuoco e uccise il compagno, rinviata a giudizio dal Gup di Rieti

Confermata l'imputazione di omicidio volontario premeditato e pluriaggravato

12/04/2021 09:21 

 

Covid: Amatrice rischia la zona rossa

Il vicesindaco: «disastroso»

12/04/2021 09:18 

 

Configni, i Carabinieri denunciano 13 persone che preparavano un «rave party»

I giovani entrano in un capannone di proprietà del Comune

12/04/2021 08:24 

 
 

 
   

 

 

Misure di sicurezza, sorveglianza speciale per due pregiudicati

 


 
 
virgolette

Obbligo di soggiorno nel comune di residenza per la loro pericolosità sociale

     

dalla Redazione
lunedì 25 gennaio 2021 - 15:12


La Polizia di Stato ha richiesto per due pluripregiudicati la misura della sorveglianza speciale, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, a causa della loro pericolosità sociale.

Le misure di sicurezza disposte si inquadrano nelle prerogative del Questore della provincia di Rieti, quale Autorità di Pubblica Sicurezza, nell’ambito di una costante azione di monitoraggio e di contenimento, svolta dalla Divisione di Polizia Anticrimine della Questura, della pericolosità sociale delle categorie ritenute più preoccupanti per l’ordine e la sicurezza pubblica.

In particolare, per un nigeriano di anni 46 anni, residente a Rieti, noto alle Forze dell’Ordine per aver commesso, in particolare, reati connessi alla detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, il Tribunale di Roma, a seguito della segnalazione del Questore di Rieti sulla pericolosità sociale del soggetto, a causa dei suoi trascorsi criminali, ha disposto per lo straniero la misura della sorveglianza speciale della durata di due anni. 

Analoga misura di sorveglianza, questa volta con divieto di soggiorno a Rieti, ed ulteriori limitazioni agli spostamenti, è stata disposta dallo stesso Tribunale, su proposta del Questore, per un 38enne residente a Roma, che si è reso responsabile di ripetuti atti di violenza fisica nei confronti della sua compagna reatina. 

Queste misure si inseriscono in una più ampia attività di prevenzione, svolta dalla Polizia di Stato incessantemente anche nei vari periodi di lock-down disposti per l’emergenza coronavirus e che proseguirà senza sosta per tutelare la sicurezza dei cittadini.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori