Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Fara Sabina, Cuneo: scuole in DAD per una settimana in via precauzionale

Il sindaco: «La decisone presa in base ai dati dell’ultima settimana e ai cluster presenti nelle scuole»

05/03/2021 19:15 

 

Scuola, Blocco Studentesco scende in piazza

L'associazione: «Vogliamo percorsi formativi che favoriscano l’uscita degli studenti dalle case e dalle classi»

05/03/2021 14:19 

 

San Giorgio, biblioteca e «aulette» tornano alla Fondazione Varrone

Notificato al presidente il decreto di dissequestro seguito alla sentenza della Corte di Appello di Roma

05/03/2021 13:31 

 
 

 
   

 

 

Sciopero degli studenti, la proposta di Azione studentesca: «Dad fino al 1 febbraio»

 


 
 
virgolette

Scasciafratte: «Si fatica a comprendere quali siano i criteri con cui agisce questo governo»

     

dalla Redazione
giovedì 21 gennaio 2021 - 09:23


Azione Studentesca Rieti condivide pienamente le proteste e le perplessità degli studenti reatini, che in questi giorni stanno manifestando in opposizione al prematuro ritorno alla didattica in presenza imposto a gennaio.

«Non si capisce perché prima di Natale, con l’Italia in zona gialla, le scuole superiori siano rimaste chiuse, mentre ora, con quasi tutte le regioni in zona arancione o rossa, debbano riaprire così in fretta. Si fatica a comprendere quali siano i criteri con cui agisce questo governo» dice Pietro Scasciafratte, responsabile provinciale di Azione Studentesca.

Azione Studentesca Rieti raccoglie, inoltre, le preoccupazioni di molti insegnanti e di tanti genitori, che, in queste ore, a causa dell’attuale situazione epidemica e dei disagi provocati dalla scelta di scaglionare gli orari di ingresso e di uscita delle scuole – che hanno innescato non pochi problemi sul fronte dei trasporti – hanno espresso la loro contrarietà al ritorno in classe degli istituti superiori.

«La soluzione a questa crisi è quella di prolungare la Dad fino al 1 febbraio, aspettando che i contagi scendano sensibilmente, e che il trasporto pubblico venga organizzato prendendo in considerazione le esigenze dei pendolari. Nel frattempo i ragazzi potrebbero continuare a fare lezione a distanza, magari con i professori collegati dai computer della scuola, visto che al momento sono comunque obbligati a presentarsi in aula nonostante gli alunni stiano scioperando a oltranza. Speriamo che il corpo docente accolga con favore la nostra proposta», fa sapere Azione Studentesca Rieti nella sua nota.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori