Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Covid, Zingaretti: il Lazio ancora in zona gialla grazie alla nostra comunità

Nicola Zingaretti

Il governatore: ora non abbassiamo la guardia

05/03/2021 20:04 

 

Alcli, tornano le uova della speranza

Dopo 30 anni, cambia la modalità ma le Uova Pasquali arriveranno nelle case dei reatini: su prenotazione arriveranno a domicilio

05/03/2021 19:09 

 

Film Takeway, AAA cercasi comparse

Il film si girerà al Terminillo dalla metà di aprile ad inizio maggio 2021

05/03/2021 16:33 

 
 

 
   

 

 

Amatrice, il MiBACT approva il finanziamento per il consolidamento e restauro della Torre Civica

 


 
 
virgolette

Ancora una volta è stata premiata l’attenzione dell’Amministrazione Comunale

     

dalla Redazione
domenica 17 gennaio 2021 - 18:45


In riferimento alla comunicazione del MiBACT relativa al finanziamento dell’intervento di miglioramento sismico, consolidamento e restauro della Torre Civica, il Sindaco e l’amministrazione comunale di Amatrice, apprendono con soddisfazione che le istanze e le richieste presentate negli ultimi mesi, si sono finalmente concretizzate con l’approvazione dell’intervento definitivo. 

La Torre Civica sia prima del sisma e ancor più dopo, ha sempre identificato l’intera comunità Amatriciana e l’avvio della progettazione del suo restauro, rappresenta il primo passo della ricostruzione del centro storico.

Ancora una volta è stata premiata l’attenzione dell’Amministrazione Comunale, che anche nel 2021 sarà coinvolta nella programmazione degli interventi da realizzare nel centro storico di Amatrice e delle sue frazioni.    

La Torre

A metà di Corso Umberto I si erge la torre civica di cui è documentata l’esistenza già nel XIII secolo. A pianta rettangolare la torre, vero e proprio simbolo di Amatrice, è interamente realizzata in pietra arenaria ed è alta circa 25 metri. Attaccata alla torre vi era la Chiesa parrocchiale di Santa Lucia che venne fatta demolire nel 1545 dopo che Amatrice divenne feudo di Alessandro Vitelli. L’antico campanone del 1494, di considerevoli dimensioni, è stato sostituito nel 1985 con una nuova campana. Il suono caratterizza il giorno della festa della Patrona "Madonna di Filetta" e dell'elezione del Sindaco.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori