Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Test salivali a Fara in Sabina, la Asl si occuperà della distribuzione

80 al giorno e dei servizi di accettazione e analisi presso il Laboratorio aziendale ospedaliero

15/04/2021 19:03 

 

Cotral, nuovi 8 bus per le tratte a corto e medio raggio

800 nuovi autobus su strada in cinque anni

15/04/2021 18:39 

 

Un nuovo portone per la chiesa di Limiti di Greccio

L’opera, voluta dalla Parrocchia e dalla Pia Unione Sant’Antonio, porta la firma dall’artista veronese Albano Poli

15/04/2021 18:36 

 
 

 
   

 

 

Legambiente, sì al Terminillo stazione montana senza nuovi impianti in aree naturali

 


 
 
virgolette

Scacchi: «Occorre fermare le possibili nuove piste in aree naturali e protette»

     

dalla Redazione
giovedì 14 gennaio 2021 - 11:43


Dopo la presentazione del progetto "Terminillo stazione montana 2" è arrivato un primo parere favorevole della Regione con diverse prescrizioni, nello stesso parere vengono bocciati parte dei nuovi impianti di risalita per lo sci, proposti nel versante settentrionale. Legambiente chiede alla Regione di intervenire ulteriormente per escludere tutti i nuovi impianti in aree ora naturali dall'autorizzazione. Lo afferma l'associazione in una nota.

«Perché il progetto Terminillo stazione montana sia positivo e rappresenti una chiave di sviluppo sostenibile e destagionalizzazione intelligente, la Regione elimini nuovi impianti previsti in aree ora naturali e si parta velocemente con la rigenerazione della montagna», affermano in una nota Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio e Gabriele Zanin, presidente del circolo Legambiente Centro Italia di Rieti.

«Solo così si garantisce un avvio rapido dell'opera a partire anche dalla riqualificazione dei vecchi impianti sciistici. Non ne servono di nuovi, perché' rappresenterebbero investimenti in palese contrasto con gli effetti dei cambiamenti climatici e la riduzione della nevosità certificata dal Centro studi appenninico del Terminillo 'Carlo Jucci', e non porterebbero alcun beneficio economico o valore aggiunto per lo sviluppo turistico nell'area», continuano Scacchi e Zanin.

«Inoltre impatterebbero in maniera evidente e pesante su un sito protetto della rete europea "Natura 2000" con conseguenze importanti sulla biodiversità di tutta l'area. Fare nuove piste che interessano aree protette (che peraltro ancora oggi non hanno una governance definita che aspettiamo da decenni) non si può. Per questo, prima che si avvii una procedura di infrazione europea a bloccare l'intera opera, chiediamo che siano tolte dal progetto le nuove piste in zone ora naturali, e che la delocalizzazione dei vecchi impianti, funzionale alla rigenerazione dell'esistente, non abbia impatti sul patrimonio naturalistico e di biodiversità dell'area, perché' si possa procedere in tempi rapidi con gli interventi realmente utili al Terminillo».

Secondo l'associazione del Cigno Verde, è necessario infatti «un cambiamento ulteriore al progetto: occorre fermare le possibili nuove piste in aree naturali e protette, procedendo solo con gli obiettivi di ammodernamento e delocalizzazione sostenibile; creare percorsi di trasparenza sull'intera opera e sulla futura gestione degli impianti; dare certezze sulla strategia per aumentare la spinta alla destagionalizzazione e all'uso dolce della montagna, prevedendo accessi per il turismo lento che siano pensati anche nella rete dei cammini religiosi».

«Proponiamo in tal senso in primo luogo il Comune di Cantalice come porta di ingresso per il turismo lento, per le sue peculiarità ambientali e culturali e la sua presenza sui cammini religiosi», aggiungono nella nota Roberto Scacchi e Gabriele Zanin.

«Le chiavi della rigenerazione del Terminillo e le migliori opere previste dal progetto sono eliminazione e interramento di strutture dei vecchi impianti, eliminazione di centinaia di metri di cavi volanti, rigenerazione dei mostruosi impianti sciistici di risalita abbandonati, valorizzazione dell'uso dolce della montagna, rigenerazione o abbattimento di edilizia abbandonata, tutela delle specie arboree autoctone e sviluppo sostenibile».

«Con il nostro circolo di Rieti abbiamo sempre seguito il Terminillo stazione montana e continueremo a farlo, nella convinzione che le scelte scellerate degli anni passati sul Terminillo rappresentano una grave ferita inferta al territorio: basta ricordare le decine di strutture in cemento armato abbandonate lassù, i piloni in rovina dei vecchi impianti di risalita, il cantiere folle per costruire una grande piscina coperta sotto la vetta, o l'invasione costante di automobili su strade asfaltate fino in cima alla montagna: è per tutto ciò che continueremo a seguire e spingere verso un'evoluzione positiva per l'ambiente e i territori, perché il Terminillo stazione montana 2 rappresenti l'occasione per curare queste ferite e non per infliggerne ulteriori», concludono il presidente di Legambiente Lazio Scacchi e il presidente del circolo Legambiente Centro Italia di Rieti Zanin.


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori