Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Polizia, celebrato a Rieti il patrono San Michele Arcangelo

Presentato un breve video realizzato nel corso di una toccante cerimonia

29/09/2021 12:35 

 

Consorzio Sociale RI/1: avviso pubblico per registro degli assistenti alla persona

Previsti contributi economici da erogare per l’assunzione di assistenti alla persona

29/09/2021 11:25 

 

Censimento Permanente popolazione 2021, Comune di Rieti: ecco le modalità dell’indagine

In poco più di un mese verranno intervistate circa 213 famiglie

29/09/2021 10:08 

 
 

 
   

 

 

Ancora a rischio di chiusura il presidio dei Vigili de fuoco di Amatrice

 


 
 
virgolette

Rischia di chiudere i battenti il prossimo 31 dicembre

     

di Massimo Rinaldi - Coordinatore Territoriale FNS CISL
giovedì 10 dicembre 2020 - 18:05


A lanciare l’allarme ancora una volta è il sindacato FNS CISL Roma Capitale e Rieti a firma del Coordinatore Provinciale, Il presidio diurno dei vigili del fuoco di Amatrice rischia di chiudere i battenti il prossimo 31 dicembre. Fu già detto in passato che la paventata chiusura del Presidio dei VVF di Amatrice, avrebbe rappresentato una sorta di allarmante arretramento dello Stato dalla zone interessate dai terribili effetti del terremoto, arrivando irrimediabilmente a negare i più elementari diritti dei cittadini del posto.

E’ di carattere di somma urgenza che si ripropone e si rinnova la problematica legata al mantenimento delle 5 unità operative dei vigili del fuoco di Amatrice nell'area colpita dal sisma del 24 agosto 2016. A pochi giorni dalla scadenza della suddetta proroga la Fns Cisl rinnova il proprio appello presso gli organi governativi, dipartimentali amministrativi affinchè non si verifichi un arretramento dello Stato nell'area-cratere martoriata e devastata dal terremoto.

Necessario dunque un richiamo alla responsabilità e al senso civico al fine di mantenere e assicurare la continuità operativa del presidio diurno dei vigili del fuoco di Amatrice affinchè questo non venga sospeso se non addirittura soppresso, ma prorogato. Sarebbe altresì auspicabile l'istituzione di un distaccamento territoriale permanente ad Amatrice non soltanto per assicurare un adeguato livello del dispositivo di soccorso tecnico urgente in una zona divenuta estremamente vulnerabile e dalle tantissime criticità, per i numerosi cantieri edili aperti a seguito della ricostruzione, ma sopratutto portare ad una continua presenza fisica sul territorio a supporto e sostegno della comunità locale sia quella rimasta ad Amatrice che quella legata comunque alle sue radici e presente nelle zone del sisma in maniera discontinua.

Per questi motivi l'Organizzazione Sindacale FNS CISL, prova per l’ennesima volta, a destare l’interesse assopito di coloro che dovrebbero avere a cuore l’interesse e le sorti di un intero territorio: serve un intervento immediato e risolutivo per scongiurare che venga sospeso un servizio indispensabile alla popolazione. Auspichiamo dunque prese di posizioni autentiche e credibili sia da parte dello Stato che dell'Amministrazione.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori