Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

A Illica lo sciacallaggio compie cinque anni

Ora un sito Web aiuterà nella ricerca degli oggetti scomparsi: ma con quali speranze?

12/04/2021 18:00 

 

Tubi Spa: dichiarazioni strumentali delle OO.SS

L’azienda resta disponibile al dialogo. Inviata la rettifica

12/04/2021 11:22 

 

Inaugurata la farmacia Del Poggio

Calisse: «Un servizio in più per i cittadini, una gioia partecipare»

11/04/2021 18:10 

 
 

 
   

 

 

Amazon, Masucci (Fit-CISL Lazio): «Oggi assemblee congiunte a Passo Corese, centinaia di lavoratori»

 

Un momento dell'incontro
Un momento dell'incontro

 
 
virgolette

«Se esprimeranno uniti le loro esigenze, i dipendenti potranno raggiungere risultati importanti»

     

dalla Redazione
mercoledì 9 dicembre 2020 - 19:09


«Sono centinaia i lavoratori che hanno partecipato alle assemblee indette per oggi, unitariamente, di fronte allo stabilimento Amazon di Passo Corese su cinque turni. Finalmente qualcosa si muove: siamo convinti che se i lavoratori si uniranno ed esprimeranno insieme le loro esigenze, potremo raggiungere risultati importanti, in termini di contrattazione e di conquiste».

È quanto si legge una nota di Marino Masucci, Segretario Generale della Fit-Cisl Lazio, in cui si aggiunge che «sono numerosi i temi che abbiamo affrontato durante il confronto. Innanzitutto, alla luce del recente aumento di fatturato dell’azienda, che si attesta intorno al 40%, sarebbe opportuno strutturare, tramite la contrattazione di secondo livello, un premio di produzione, in un’ottica di redistribuzione. Ad oggi, infatti, è Amazon a decidere unilateralmente come e se erogare maggiorazioni, senza una contrattazione aziendale che le sistematizzi: durante la prima fase del lockdown, ad esempio, i lavoratori hanno percepito due euro lorde ogni ora. Non moltissimo, tenendo conto dell’impennata del fatturato. Riterremmo opportuno, lo ribadiamo, che tutto ciò fosse oggetto di specifica negoziazione, insieme agli importi relativi ai buoni pasto, e alle maggiorazioni per chi effettua i turni notturni, che adesso sono del 15% a fronte di orari particolarmente gravosi: dalle 22.30 alle sei del mattino».

«Più in generale – conclude il sindacalista – sarebbe utile intavolare una discussione sui ritmi e carichi di lavoro, e ragionare su un sistema di maggiori garanzie anche per gli stagionali».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori