Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

A Illica lo sciacallaggio compie cinque anni

Ora un sito Web aiuterà nella ricerca degli oggetti scomparsi: ma con quali speranze?

12/04/2021 18:00 

 

Tubi Spa: dichiarazioni strumentali delle OO.SS

L’azienda resta disponibile al dialogo. Inviata la rettifica

12/04/2021 11:22 

 

Inaugurata la farmacia Del Poggio

Calisse: «Un servizio in più per i cittadini, una gioia partecipare»

11/04/2021 18:10 

 
 

 
   

 

 

Amazon, Masucci: «In vista dell’incontro nazionale con l’azienda, 'assemblea virtuale' con i dipendenti»

 

Marino Masucci
Marino Masucci

 
 
virgolette

Il segretario della Fit-CISL Lazio: «Questionario con cui chiediamo quali siano i temi su cui intervenire prioritariamente»

     

dalla Redazione
mercoledì 9 dicembre 2020 - 13:58


«Grazie a un'azione tenace e costante, Cgil Cisl e Uil sono riuscite a ottenere un incontro a livello nazionale con Amazon. Si tratta di un’occasione fortemente voluta e importante, finalizzata alla tutela dei lavoratori e al contempo della competitività aziendale. In vista di questo incontro, abbiamo deciso di organizzare una sorta di 'assemblea virtuale', elaborando un questionario tramite cui i lavoratori Amazon potranno indicarci, in forma completamente anonima, quali siano a loro avviso le priorità di cui parlare con l'azienda».

Lo rende noto il Segretario Generale della Fit-CISL del Lazio, Marino Masucci, aggiungendo che «si potrà rispondere alle domande, nel più totale rispetto della privacy, sulla homepage del nostro sito, www.fitcisllazio.it. L'obiettivo è quello di conoscere, nel modo più capillare possibile, l'opinione dei dipendenti per poter interpretare al meglio i loro bisogni nel corso del tavolo con l'azienda. I problemi principali riguardano gli aspetti retributivi, la sicurezza, i ritmi e carichi di lavoro, le turnazioni? Oppure, ancora, l'organizzazione, i provvedimenti disciplinari? L'auspicio è che la forma anonima e la via telematica, in questa fase di pandemia, ci aiutino a raggiungere quante più persone possibili».

«Lo ribadiamo spesso, senza stancarci - conclude il sindacalista -: soltanto uniti i lavoratori delle piattaforme possono far sentir meglio la loro voce, e migliorare le proprie condizioni senza per questo impattare sulla competitività della loro azienda. Azienda che in questo caso, tra l'altro, è fiorente come non mai, sia in termini di domanda che di fatturato».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori