Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Oggi il 169° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato

Il consuntivo dell’attività svolta nel 2020 dalla Questura di Rieti

10/04/2021 17:43 

 

Eccidio Fosse Reatine, Cicchetti: «Ho preferito lasciare la parola al silenzio»

Oggi la commemorazione presso il monumento di Quattro Strade

09/04/2021 12:47 

 

Consorzio industriale unico regionale: Rieti non stia a guardare

Pietro Santarelli

Il Segretario Ugl Santarelli: «Il nostro territorio ancora una volta vessato dalla logica dei numeri»

09/04/2021 12:18 

 
 

 
   

 

 

Cgil, quest’anno ricorre il centenario dell’eccidio di Canneto

 


 
 
virgolette

Il 10 dicembre 1920 persero la vita 11 lavoratori di età ricompresa tra i 17 ed i 38 anni

     

di Segreteria Cgil e Spi Cgil
martedì 8 dicembre 2020 - 10:10


La Camera del Lavoro CGIL Rieti Roma Est Valle dell’Aniene e lo Spi Cgil Rieti Roma Est Valle Aniene, il giorno 10 dicembre 2020 alle ore 11.30, ricorderanno la strage compiuta dai Reali Carabinieri nei confronti dei lavoratori e lavoratrici braccianti, scesi in sciopero a difesa dei patti concordati sul salario e per rivendicare migliori condizioni di lavoro.

Nell’eccidio persero la vita 11 lavoratori di età ricompresa tra i 17 ed i 38 anni e rimasero feriti ulteriori 13. Una lavoratrice per le ferite riportate, rimase invalida tutta la vita. Le condizioni di salario erano pari a 6/7 lire al giorno per gli uomini e di mezzo litro di olio ogni 60 Kg di olive per le donne.

Si lavorava almeno dieci ore al giorno, arrampicati sugli alberi oppure in ginocchio, senza mai alzare la testa, perché la paga per le donne era a cottimo e per gli uomini spesso veniva assorbita dagli anticipi che i padroni concedevano per sostenere la famiglia.

Quella mattina del 10 dicembre 1920, i lavoratori e le lavoratrici iscritti alla Camera del Lavoro, si ribellarono entrando in sciopero e protestando contro la rimessa in discussione degli accordi sul salario dai proprietari delle terre. Per queste ragioni furono uccisi e dopo la loro morte il salario giornaliero salì a 10 lire. Riteniamo fondamentale ricordare le gesta ed il coraggio di quei lavoratori che cento anni fa, misero in gioco la loro vita per la libertà e la democrazia.

Il gesto di quei lavoratori e di quelle lavoratrici che rivendicavano diritti e dignità, hanno contribuito ai processi democratici ed ai quei valori di cui oggi tutti beneficiamo e molto spesso banalizziamo. La nostra Camera del Lavoro insieme allo Spi Cgil deporrà una corona di fiori sul luogo dell’eccidio, ricordando il coraggio e la determinazione di quei lavoratori e lavoratrici.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori