Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Diede fuoco e uccise il compagno, rinviata a giudizio dal Gup di Rieti

Confermata l'imputazione di omicidio volontario premeditato e pluriaggravato

12/04/2021 09:21 

 

Covid: Amatrice rischia la zona rossa

Il vicesindaco: «disastroso»

12/04/2021 09:18 

 

Configni, i Carabinieri denunciano 13 persone che preparavano un «rave party»

I giovani entrano in un capannone di proprietą del Comune

12/04/2021 08:24 

 
 

 
   

 

 

Simulano un tamponamento a catena e vengono denunciati dai Carabinieri

 


 
 
virgolette

Concorso in truffa e fraudolento danneggiamento di beni assicurati i reati ipotizzati per dieci persone

     

dalla Redazione
sabato 5 dicembre 2020 - 14:49


Sono accusati di avere simulato un incidente stradale, nello specifico un tamponamento a catena, con danni alle autovetture e lesioni, per ottenere il risarcimento dall'assicurazione. Si tratta di ben 10 persone, due stranieri e otto italiani di cui 5 reatini, denunciati a piede libero dai carabinieri della compagnia di Cittaducale.

Concorso in truffa e fraudolento danneggiamento di beni assicurati i reati ipotizzati a loro carico. L'indagine, risalente alla scorsa estate, ha fatto luce su un vero e proprio sistema che vedeva coinvolte a vario titolo ben 10 persone.

Quello che veniva messo in scena era una sorta di film ove ogni attore doveva recitare la propria parte: gli automobilisti, i passeggeri, i feriti, i testimoni, il fotografo, ecc., scenario scelto per il Ciack la periferia reatina, nei pressi dell’imbocco della superstrada. Uno di questi strani siparietti non è però passato inosservato ai Carabinieri dell’Aliquota Operativa di Cittaducale, che osservano la posizione dei veicoli e le strane manovre che vi avvenivano intorno avviavano le indagini, le quali confermavano in pieno i sospetti dei militari.

Veniva cosi fatta luce su una vera e propria regia posta in essere da un uomo residente nel Cicolano, il quale organizzava e dirigeva la messa in scena, ed emergevano le varie responsabilità degli altri indagati i quali dopo aver simulato il sinistro si portavano presso l’Ospedale di Rieti ove lamentavano diversi dolori causati dal falso sinistro.

Non contenti della visita ospedaliera, i falsi feriti facevano seguire al referto del pronto soccorso altri documenti redatti da medici specialisti, Ortopedici e fisioterapisti, ovviamente sempre allegando ricevuta fiscale: una delle indagate, per una falsa lesione alla gamba, veniva sottoposta a ben 4 visite specialistiche più idonea e necessaria fisioterapia. Ben 3 le Agenzie Assicurative truffate. I 9 attori ed il loro regista dovranno ora rispondere di diversi capi di imputazione: concorso in truffa, fraudolento danneggiamento di beni assicurati, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori