Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Diede fuoco e uccise il compagno, rinviata a giudizio dal Gup di Rieti

Confermata l'imputazione di omicidio volontario premeditato e pluriaggravato

12/04/2021 09:21 

 

Covid: Amatrice rischia la zona rossa

Il vicesindaco: «disastroso»

12/04/2021 09:18 

 

Configni, i Carabinieri denunciano 13 persone che preparavano un «rave party»

I giovani entrano in un capannone di proprietà del Comune

12/04/2021 08:24 

 
 

 
   

 

 

Imprenditore reatino truffato online, due le denunce

 


 
 
virgolette

Nei guai due calabresi di 35 e 60 anni

     

dalla Redazione
giovedì 3 dicembre 2020 - 07:38


Gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Rieti hanno denunciato in stato di libertà due cittadini calabresi, un sessantenne e un trentacinquenne, responsabili di una truffa aggravata, perpetrata on-line, in danno di un imprenditore reatino.

Alcuni mesi fa, infatti, un commerciante reatino ha sporto una denuncia querela poiché, dopo aver acquistato un trattorino tosaerba sulla piattaforma ebay e pagato il relativo corrispettivo attraverso una ricarica di una PostePay, non aveva mai ricevuto l’attrezzo di giardinaggio, nonostante numerosi solleciti.

Gli investigatori della Polizia di Stato hanno immediatamente avviato una particolareggiata indagine che ha evidenziato che il presunto venditore, il trentacinquenne, residente a Crotone, aveva creato un finto annuncio di vendita utilizzando documenti di identità di un altro individuo, vittima di un’altra truffa, ed inviando al povero acquirente reatino documentazioni false che lo rassicuravano sulla sicurezza della transazione.

È così che il commerciante ha pagato l’importo dovuto al sessantenne, anche lui residente a Crotone, intestatario della PostePay, che si era qualificato come comproprietario dell’attrezzo agricolo in vendita, rivelatosi poi inesistente. Le prove raccolte dagli investigatori reatini hanno evidenziato il concorso dei due cittadini calabresi nella truffa, in quanto i dati telematici utilizzati per il falso accredito su Ebay erano riconducibili al trentacinquenne, mentre le utenze telefoniche utilizzate per le connessioni internet del caso sono risultate intestate a sessantenne, beneficiario del prezzo del reato.

I due sono stati pertanto denunciati in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria davanti alla quale dovranno rispondere del reato di truffa aggravata in concorso.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori