Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

A Illica lo sciacallaggio compie cinque anni

Ora un sito Web aiuterą nella ricerca degli oggetti scomparsi: ma con quali speranze?

12/04/2021 18:00 

 

Tubi Spa: dichiarazioni strumentali delle OO.SS

L’azienda resta disponibile al dialogo. Inviata la rettifica

12/04/2021 11:22 

 

Inaugurata la farmacia Del Poggio

Calisse: «Un servizio in pił per i cittadini, una gioia partecipare»

11/04/2021 18:10 

 
 

 
   

 

 

Questura di Rieti, con la vendita del Calendario 2021 un progetto di educazione alla legalitą

 


 
 
virgolette

Come acquistare il calendario istituzionale

     

dalla Redazione
domenica 29 novembre 2020 - 17:24


La Polizia di Stato, da sempre impegnata nel sociale, nell’anno in cui ricorre il quarantesimo anniversario della legge di riforma dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza, ha rinnovato la tradizione di devolvere l’intero ricavato della vendita del calendario istituzionale 2021 per la realizzazione di progetti di solidarietà.

L’intero importo, infatti, sarà devoluto al Comitato Italiano per l’UNICEF, impegnato più che mai, in questo anno complicato, gravemente segnato dalla pandemia da COVID 19, nel fronteggiare le situazioni di disagio minorile conseguenti all’emergenza coronavirus ed al Piano di assistenza continuativa “Marco Valerio”, ideato per il sostegno alle famiglie del personale della Polizia di Stato, con figli affetti da gravi disabilità, che affrontano quotidianamente situazioni delicate e difficili.

L’acquisto del calendario, che consentirà ai cittadini di contribuire alla realizzazione di tali progetti di beneficenza, può essere effettuato sul sito web dell’UNICEF, all’indirizzo www.regali.unicef.it, nella sezione “iniziative speciali”, ricevendo, direttamente a casa le copie da parete o da tavolo acquistate.

Le 12 immagini del calendario istituzionale 2021 della Polizia di Stato, scattate da vari fotografi e in epoche diverse, sintetizzano i 40 anni di storia iniziata nel 1981, anno della legge numero 121 che ha riconosciuto nella Polizia di Stato la prima forza di polizia civile ad ordinamento speciale, “smilitarizzando” il Corpo della Guardie di P.S., e delineato il sistema della Pubblica Sicurezza in Italia.

Immagini operative e di storia dell’Italia degli ultimi 40 anni che testimoniano la mission delle donne e degli uomini della Polizia di Stato: essere al servizio delle comunità.

La Questura di Rieti, nel ringraziare i cittadini della provincia di Rieti che acquisteranno il calendario istituzionale sul sito dell’UNICEF, contribuendo alla riuscita dell’iniziativa benefica, intende promuovere, nella circostanza, una iniziativa di educazione alla legalità, rivolta soprattutto ai più giovani, che consentirà di realizzare alcuni elaborati (disegni, poesie, racconti) attinenti al calendario della Polizia di Stato 2021.

Tali elaborati dovranno rappresentare l’attività della Polizia di Stato, vista non come repressione, ma come vicinanza alla cittadinanza, secondo il format individuato dal motto “insieme tra la gente”, per promuovere la diffusione della cultura della legalità e del rispetto delle regole.

Nel mese di gennaio 2021, il Questore di Rieti, Maria Luisa Di Lorenzo, premierà, con dei gadgets griffati “Polizia di Stato”, i 3 lavori più meritevoli, scelti tra quelli presentati all’Ufficio Relazioni con il Pubblico della Questura di Rieti, entro e non oltre il 31 dicembre 2020, realizzati dai cittadini che avranno anche aderito alla presente beneficenza nei confronti dell’UNICEF.

Per ogni ulteriore informazione, gli utenti potranno contattare la Questura di Rieti all’utenza 0746-299562.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori