Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Controlli dei NAS, irregolari due esercizi commerciali. 150 kg di alimenti sequestrati

Operazione dei Carabinieri in materia di sicurezza alimentare in provincia di Rieti

22/01/2021 11:18 

 

Scuole, sciopero sospeso

©

Da domani studenti a lezione in collegamento da casa

21/01/2021 19:09 

 

Maltempo, protezione civile Lazio: criticità idrogeologica gialla da primo mattino domani e per 24 ore

Criticità idraulica gialla su Appennino di Rieti. Allerta gialla per vento

21/01/2021 16:55 

 
 

 
   

 

 

Addio don Lorenzo!

 


 
 
virgolette

Lascia alla città un’eredità spirituale e culturale ricchissima

     

dalla Redazione
martedì 4 agosto 2020 - 13:49


Riorganizzare la memoria, valorizzare le radici francescane della valle reatina: così monsignor Lorenzo Chiarinelli il 17 gennaio scorso chiuse l’incontro della città con Franco Cardini sulla Rieti medievale, invitando tutti a lavorare di più e meglio per dare alla città un presente e un futuro all’altezza del suo luminoso passato.

È così che la Fondazione Varrone ricorda oggi con sincera commozione la figura esemplare di monsignor Chiarinelli – don Lorenzo per tutti – attento ai grandi temi dello spirito e dell’etica come alla vita delle persone che hanno avuto la fortuna di incontrarlo.

«Bisogna riorganizzare la memoria. Quando una persona perde la memoria è una tragedia, ma può capitare ad una comunità ed è anche peggio – disse don Lorenzo al pubblico che affollava San Giorgio quella sera – La mia non è nostalgia, né desiderio di ritorno al passato. Di un albero si mangiano i frutti ma si coltivano le radici. Ed è questo che va fatto».

Di monsignor Chiarinelli la Fondazione Varrone custodisce nella biblioteca purtroppo ancora chiusa di Largo San Giorgio una parte del suo enorme patrimonio librario e sottolinea l'intensa e preziosa attività di educatore per generazioni di reatini. Lascia dietro di sé un’eredità spirituale e culturale ricchissima, che avrà bisogno di tempi lunghi e studi approfonditi perché non vada perduta ma che merita di essere messa a frutto per il bene della città.

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori