Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Rubano un portafogli ad un commerciante, denunciati due rumeni

I malviventi immediatamente identificati dai Carabinieri di Poggio Mirteto

08/05/2021 12:44 

 

Ladri d’appartamento incastrati dai Carabinieri

Identificati gli autori dei furti a Toffia e Fara Sabina

07/05/2021 08:52 

 

False assicurazioni RCA, 7 persone denunciate per truffa

Reati di truffa perpetrati online con la sottoscrizione di polizze assicurative false

06/05/2021 19:01 

 
 

 
   

 

 

Relazione D.I.A., le precisazioni della Questura di Rieti

 

© La Questura di Rieti
© La Questura di Rieti

 
 
virgolette

Nessuna riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica

     

di Questura di Rieti
lunedì 20 luglio 2020 - 14:16


In relazione ad un articolo apparso sulla stampa locale di oggi, relativo alla relazione semestrale della D.I.A. per la parte riguardante la provincia di Rieti, si ritiene doveroso fornire le seguenti precisazioni. La citata relazione, consultabile sul sito web della Direzione Investigativa Antimafia (relazione del 2° semestre 2019 - pagg. 420 e 421), fornisce una breve descrizione della situazione delinquenziale in questa provincia, evidenziando che il territorio reatino non presenta situazioni di particolare criticità in ordine alla presenza ed all’operatività di organizzazioni criminali e sottolineando, in sostanza, il merito della Polizia di Stato nell’aver individuato e neutralizzato un’organizzazione criminale composta da 23 soggetti di origine nigeriana dediti al traffico di droga.

Al riguardo tale relazione riportata testualmente:

«Il territorio reatino non presenta situazioni di particolare criticità in ordine alla presenza ed all’operatività di organizzazioni criminali strutturate o a connotazione mafiosa … si ritiene di dover far cenno ad un’attività investigativa conclusa fuori semestre, durante la stesura del documento, che introduce un importante elemento di novità per quel che attiene all’operatività delle organizzazioni criminali straniere nella provincia reatina. Ci si riferisce all’operazione “Angelo Nero”, eseguita a Rieti nel febbraio 2020 dalla Polizia di Stato. Le indagini hanno mostrato l’operatività di un’organizzazione criminale composta da 22 cittadini nigeriani ed un camerunense, dedita al traffico di droga (del tipo eroina, cocaina e marijuana) e allo sfruttamento della prostituzione, che reinvestiva parte dei proventi illeciti in affari immobiliari in Nigeria. È stata quindi disvelata l’esistenza di una compagine criminale di matrice etnica “strutturata”, ormai saldamente radicata nel territorio, con contatti con il Paese d’origine ove inviava i proventi illeciti».

Si aggiunga, inoltre, che dopo la pubblicazione di tale relazione, contrariamente a quanto asserito nell’articolo stampa, non si è svolta alcuna riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica o altro tipo di riunione, né tantomeno è stato richiesto alcun chiarimento dal Viminale.

Le Forze di Polizia della provincia di Rieti continuano incessantemente a svolgere la loro azione di prevenzione e repressione dei reati, in particolare contro il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti.

 

Leggi la relazione della DIA...

 

 

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori