Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Rubano un portafogli ad un commerciante, denunciati due rumeni

I malviventi immediatamente identificati dai Carabinieri di Poggio Mirteto

08/05/2021 12:44 

 

Ladri d’appartamento incastrati dai Carabinieri

Identificati gli autori dei furti a Toffia e Fara Sabina

07/05/2021 08:52 

 

False assicurazioni RCA, 7 persone denunciate per truffa

Reati di truffa perpetrati online con la sottoscrizione di polizze assicurative false

06/05/2021 19:01 

 
 

 
   

 

 

Cocaina dal Lazio alla Sardegna, arrestati due trafficanti

 

© Il nuovo carcere di Rieti
© Il nuovo carcere di Rieti

 
 
virgolette

Operazione dei carabinieri di Nuoro. La droga affidata a insospettabili

     

dalla Redazione
venerdì 19 giugno 2020 - 08:46


Due trafficanti di droga che operavano tra la Sardegna e il resto d'Italia sono stati arrestati dai carabinieri, su ordine del Gip del tribunale di Roma e su richiesta della Dda della Capitale. Si tratta di due cinquantottenni attivi nei quartieri romani di Monte Mario, Primavalle e Trionfale, con articolazioni nelle zone di Vallesanta e Boccea e nel litorale romano, a Fiumicino, Ladispoli e Cerveteri. Secondo l'accusa, i due sarebbero al vertice di un'organizzazione criminale che trafficava ingenti quantità di cocaina e hascisc in Costa Smeralda e in altre piazze dell'isola tra Gallura e Baronia.

L'operazione è stata portata a termine dai Ros di Nuoro, insieme ai colleghi del Lazio che hanno trasferito gli arrestati, uno al carcere di Rebibbia e l'altro in quello di Rieti. Le indagini sono partite nell'autunno 2014 e in quell'occasione erano state denunciate 39 persone. Sequestrati inoltre 10 kg di cocaina e oltre 5 di hashish, armi da fuoco clandestine, cospicue somme di denaro e alcuni locali per lo stoccaggio, oltre a basi logistiche da cui organizzare i traffici illeciti.

Spesso i carichi di droga per la Sardegna venivano affidati a insospettabili come minori, donne o anziani. La droga veniva importata in Italia attraverso organizzazioni criminali estere, in particolare del Montenegro e della Spagna. Uno degli arrestati era direttamente coinvolto nell'acquisto di 140 kg di cocaina purissima, andato perso in acqua davanti alla città spagnola di Denia e poi sequestrato dalla polizia.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori