Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Anas: avviati i lavori di ripristino dei giunti di dilatazione sulla statale 578

Lo svincolo a Rieti

Fino al 1° aprile 2021 dal chilometro 0 (Rieti) al chilometro 51,200 (Borgorose)

09/07/2020 16:39 

 

«Bella de nonna!» gran bella foto: seconda al contest Acri tra Fondazioni

La foto della signora Elisa

Si è potuto fare grazie ai tablet donati dalla Fondazione Varrone

09/07/2020 16:17 

 

Coldiretti Lazio: arrivano le etichette made in Italy per i salumi

Granieri: «Il decreto dell’UE metterà fine a speculazioni e rispetta scelte dell’82% dei consumatori che preferiscono prodotti del nostro territorio»

09/07/2020 16:13 

 
 

 
   

 

 

Federlazio appoggia il progetto TSM2

 

Terminillo
Terminillo

 
 
virgolette

«Occasione imperdibile per il territorio»

     

di Federlazio Rieti
martedì 2 giugno 2020 - 09:19


Federlazio considera il progetto TSM2 una grande opportunità di rilancio per il territorio. Non solo quindi limitatamente alla zona montana interessata, ma per l’intera provincia, in quanto la filiera potenzialmente interessata ha numeri decisamente rilevanti. In vista delle considerazioni richieste dalla Regione Lazio, Federlazio si dichiara quindi favorevole all’approvazione del Progetto e, anzi, auspica che si passi presto ad una fase operativa. Il tutto, ovviamente, tenendo nella giusta considerazione la tutela paesaggistica e ambientale, come tra l’altro già previsto nel progetto stesso.

Il progetto TSM2 ha sempre avuto una valenza notevole sin dalla sua elaborazione anni fa, in quanto permetterebbe finalmente di rilanciare un vero e proprio patrimonio del nostro territorio, che versa in uno stato di quasi abbandono ormai da troppo tempo. E dove si sono spese fin troppe parole senza mai passare a fatti concreti. Oggi però, dopo gli effetti devastanti dovuti al Covid-19 anche sulla nostra economia, il Progetto TSM2 assume una portata decisamente più grande. Probabilmente oggi possiamo dire che l’approvazione del Progetto sia diventata “indispensabile” se vogliamo sperare in una ripresa (già difficilissima) dei nostri territori. Negli ultimi anni il Terminillo ha subito un lento ma progressivo declino, a causa essenzialmente del mancato rinnovamento dell’impiantistica invernale.

Inoltre, il Terminillo soffre ancora oggi la concorrenza del vicino Abruzzo, che al contrario nel tempo ha saputo dotare le proprie montagne di moderni comprensori sciistici. Facendo quindi perdere una grande fetta di turismo derivante soprattutto dalla Capitale. Potrebbe essere quindi l’occasione (forse l’ultima) per far tornare competitivo un simbolo montano della nostra regione. Il Progetto TSM2 nasce dalla constatazione di questa profonda crisi socio economica e prevede iniziative atte a sostenere e promuovere la ripresa di questo territorio. Il progetto, grazie alla realizzazione di nuovi impianti sciistici ed al riammodernamento degli impianti esistenti, potrebbe ridare linfa vitale all’economia locale. Inoltre, sarà possibile mettere in sicurezza dal rischio di frane e valanghe le infrastrutture e gli insediamenti presenti sul territorio.

Il futuro del Terminillo può passare dallo sviluppo invernale (sci da discesa, snow board, sci di fondo) ma anche e soprattutto da quello estivo, grazie proprio ai luoghi straordinari di cui la zona è dotata. Recenti studi dimostrano come nel periodo estivo la montagna può far aumentare in modo esponenziale le possibilità di attrazione turistica e quindi di guadagno, grazie principalmente alle maggiori ore di luce disponibili e alle temperature decisamente più sopportabili per chiunque. Il recupero di quasi 3.000 alloggi porterebbe ad avere nuovi posti di lavoro stimabili tra le 500 e le 1.000 unità, solo considerando il conseguente impatto su tutto il comparto edile e annessa filiera.

Secondo le stime previste nel Business Plan del progetto, i costi di gestione del comprensorio ammontano a circa 1.600.000 Euro nel primo anno, di cui circa 500.000 Euro per il personale, e oltre 3,2 milioni il secondo anno, per raggiungere un sostanziale equilibrio dal terzo anno con oltre 3 milioni e mezzo, di cui 1,3 milioni per il personale inerente agli addetti coinvolti nel progetto. La stima quantitativa sui posti di lavoro globali generati da questi investimenti si riverserebbe su tre componenti: Diretta (direttamente legati al funzionamento degli impianti), Indiretta (derivante da settori alberghiero, ristorazione, bar, ecc.) e Indotta (derivante dall’attivazione dell’intero sistema economico). A questi posti di lavoro si andrebbero ad aggiungere, inoltre, anche quelli legati alla realizzazione degli impianti.

Nel complesso, quindi, le stime del progetto sull’occupazione totale derivante da tutti i settori coinvolti (impianti di risalita, scuole di sci, hotel, bar, pub, ecc.), equivalenti a 875 occupati, sono verosimilmente raggiungibili. Inoltre, il settore turistico è un ulteriore fonte di reddito soprattutto nelle aree montane. E lo sviluppo di un “nuovo Terminillo” con conseguente afflusso di turisti, potrebbe fare da volano per tutto il territorio reatino notoriamente ricco di storia, spiritualità, prodotti tipici e borghi da visitare.

Dalla stessa città di Rieti fino ai piccoli paesini, passando per la Valle Santa e i Santuari Francescani. Infine, è fondamentale ricordare e sottolineare che il problema principale, il reperimento dei fondi, è stato già da tempo superato grazie allo stanziamento regionale di 20 milioni di euro con la D.G.R. n. 605 del 14.12.2012. Questo, unito ad un percorso ambientale e urbanistico definito nella preconferenza dei servizi, lascia molto vive le speranze di riqualificazione del territorio montano a livello economico, sociale, ambientale, culturale e occupazionale.

 

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori