Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Covid 19 a Rieti: la gestione dell’emergenza è diventata un libro

Marinella D’Innocenzo

Il libro sarà presentato mercoledì 26 maggio alle ore 11 nell’ex Chiesa San Giorgio

24/05/2021 18:46 

 

'Le unghie mi salvano la vita', Un libro per credere nei propri sogni

Risiede a Poggio Mirteto l'autrice del libro Micol Passanisi

24/05/2021 18:23 

 

La memoria dell’industria va a ruba: fino al 16 le richieste per i residenti in provincia

La distribuzione del libro a Palazzo Potenziani

13/04/2021 18:56 

 
 

 
   

 

 

Immigrazione, Area Rieti presenta i libri di Raspail e Obertone

 


 
 
virgolette

Nella sala consigliare del Comune di Rieti sul tavolo i libri «Il campo dei santi» e «Guerriglia»

     

dalla Redazione
domenica 22 settembre 2019 - 10:07


Sabato 28 settembre, alle ore 17:30, nella sala consigliare del Comune di Rieti, Area Rieti presenta due libri: «Il campo dei santi» e «Guerriglia». Interverranno Giovanni Rositani e Maurizio Rossi, storico leader della destra identitaria toscana.

«I due romanzi - afferma Chicco Costini - trattano dell'impatto che avrà sui popoli europei, il fenomeno migratorio. Il romanzo di Jean Raspail, scritto nel 1973, è una profezia angosciante, estremamente attuale, che ha influenzato anche il programma politico del Presidente Trump . In Guerriglia Laurent Obertone, descrive lo scoppio della guerra civile in Francia, con la rivolta degli immigrati nelle città. I dati del Dipartimento delle Nazioni Unite per gli Affari Economici e Sociali ci dice che nel 2050 in Africa ci saranno oltre 2 miliardi e mezzo di persone, di cui il 50%sotto i 24 anni, giovani che vedono nell'ingresso in Europa il loro futuro. Mentre continua incessante l'inverno demografico dei popoli europei».

Per Costini, «questa è la vera emergenza epocale con cui ci confrontiamo, non i pruriti ecologisti di Greta, utili solo a distrarre il popolo. È necessario per questo sensibilizzare le persone, spiegando che il fenomeno dell'immigrazione non è solo un problema di ordine pubblico, come spesso viene affrontato, ma soprattutto un rischio concreto di sostituzione della nostra civiltà, favorito ed incentivato dalle centrali finanziarie che vogliono creare un mondo privo di radici ed identità. Sabato 28 ne parleremo con la volontà di creare un fronte identitario e sovranista, capace di opporsi alla propaganda del main stream mondiale».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori