Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Ieri l’omaggio della 1000 Miglia con il passaggio ad Amatrice

Il passaggio ad Amatrice

Emozionante corteo lungo Corso Umberto 1°

24/10/2020 19:59 

 

L'A.C.Cittareale ha un nuovo presidente

Enrico Rossi

Enrico Rossi subentra al dimissionario Amelio Camponeschi

24/10/2020 09:32 

 

Calcio, a Rieti un tesserato positivo, squadra in isolamento

Rimandata a data da destinarsi la partita con S. Elpidio

22/10/2020 10:52 

 
 

 
   

 

 

Atletica, Tortu: e ora il Golden Gala, che voglia di 200

 

Filippo Tortu
Filippo Tortu

 
 
virgolette

A Rieti il sontuoso 9.97

     

dalla Redazione
sabato 25 maggio 2019 - 09:38


«È un grande segnale in vista dei 200 metri del Golden Gala tra due settimane a Roma, ho tanta voglia di correre all’Olimpico». Filippo Tortu è un fiume in piena. Stringe mani, abbraccia, firma autografi e non si nega alle richieste di selfie. Il sontuoso 9.97 di Rieti, che sarebbe stato record italiano se non fosse stato viziato da un soffio di vento di troppo (+2.4) lo carica ancora di più verso il grande appuntamento di inizio stagione, il Golden Gala Pietro Mennea del 6 giugno, dove lo attendono avversari di livello altissimo come gli americani Noah Lyles e Michael Norman e il campione del mondo, il turco Ramil Guliyev.

Rileggendo la gara di Rieti, pensa che non avrebbe potuto chiedere un esordio migliore: «È qualcosa di fantastico, una delle giornate più belle della mia vita, in una cornice stupenda, spettacolare, con un clima di festa che non avevo mai vissuto e che mi ha fatto correre tranquillo e spensierato. Posso dire che mi sono sentito molto bene negli ultimi metri, ho cercato di rilassarmi, di usare solo i piedi, alzare le ginocchia. C’è stato vento purtroppo, ma qui correvo contro uno dei velocisti più forti al mondo: dopo i primi 50 metri ho pensato solo a essere rilassato e il tempo è arrivato. Voglio far diventare l’atletica più grande possibile e questa gara la dedico a mio fratello Giacomo, che mi ha aiutato molto negli allenamenti e in tutto il resto. Ora penso soltanto ai 200 metri di Roma, bisogna concentrarsi bene per la stagione che è davvero lunga».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori