Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Due spettacoli imperdibili al Teatro Potlach di Fara

Appuntamento con «Augmented me» dell’associazione Mopstudio e «Telemomò» di e con Andrea Cosentino

29/09/2021 10:36 

 

A Rieti l'incontro culturale per l'80°anniversario del transito del Venerabile Massimo Rinaldi

L'Auditorium Santa Scolastica ospiterà l'evento

29/09/2021 10:26 

 

Targa de «I Luoghi del Cuore del FAI» per l'ex Ospedale e S. Antonio Abate

Un convegno istituzionale che ripercorrerà il lavoro del FAI Rieti

29/09/2021 09:50 

 
 

 
   

 

 

Successo per il Concerto di musica elettronica al Guitar Festival

 

Sandro Sacco, Danilo Santilli e Federico Scalas
Sandro Sacco, Danilo Santilli e Federico Scalas

 
 
virgolette

Un viaggio attraverso opere di musica contemporanea, sculture sonore e paesaggi sonori

     

dalla Redazione
lunedì 16 ottobre 2017 - 09:33


Un successo quello del concerto di musica elettronica “Il suono organizzato”, che si è tenuto presso l’Auditorium Varrone in Rieti. Un evento all’interno del Festival Internazionale di Chitarra, con musiche dei compositori D. Santilli, docente di Tecnologie Musicali al Liceo Musicale di Rieti, G. Nottoli, docente a Tor Vergata e a S. Cecilia e L. Pagliei docente a Parigi e a Vicenza e le interpretazioni di Sandro Sacco al flauto traverso e Federico Scalas al contrabbasso.

Non succede spesso di ascoltare concerti di ricerca musicale come questo a Rieti. Per il pubblico è stato un viaggio attraverso opere di musica contemporanea, sculture sonore, paesaggi sonori. Opere da ascoltare dietro la guida del maestro Santilli che ha illustrato le poetiche sottostanti, i nuovi modi di organizzare il suono.

La prima opera, “Aquafontis” di D. Santilli, Audio-Video, creata su suoni concreti di acqua, ruscelli e fontane delle campagne sabine. A seguire la scultura sonora con video di L. Pagliei, tratta dal suono di un gong gigante di 2.5 mt di diametro. Ancora un paesaggio sonoro con l’opera di G. Nottoli, di suoni della natura della Grecia, ma anche delle voci forti e disperate degli ultimi dissensi e manifestazioni.

Nella seconda parte del concerto ancora un paesaggio sonoro “Semi d’oro”, per concludere il concerto con due esecuzioni dal vivo, “Eidos” (di D. Santilli) per flauto traverso ed elettronica, eseguito dal versatile flautista Sandro Sacco e un brano improvvisativo, “La casa dei suoni”, con il contrabbassista Federico Scalas.

I partecipanti hanno seguito con interesse i brani con le indicazioni di ascolto fornite e in un certo senso doverose per entrare nell’ottica di una fruizione di linguaggi sonori diversi dalla musica tradizionale.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori