Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

Due spettacoli imperdibili al Teatro Potlach di Fara

Appuntamento con «Augmented me» dell’associazione Mopstudio e «Telemomò» di e con Andrea Cosentino

29/09/2021 10:36 

 

A Rieti l'incontro culturale per l'80°anniversario del transito del Venerabile Massimo Rinaldi

L'Auditorium Santa Scolastica ospiterà l'evento

29/09/2021 10:26 

 

Targa de «I Luoghi del Cuore del FAI» per l'ex Ospedale e S. Antonio Abate

Un convegno istituzionale che ripercorrerà il lavoro del FAI Rieti

29/09/2021 09:50 

 
 

 
   

 

 

Teatro, il «Cyrano de Bergerac» di studenti e detenuti

 


 
 
virgolette

Con i volontari della Sesta Opera San Fedele nella Casa Circondariale di Rieti detenuti e studenti recitano l’opera teatrale di Rostand

     

dalla Redazione
venerdì 16 giugno 2017 - 09:01


Il seguito del positivo riscontro delle precedenti edizioni, è il quinto anno consecutivo che nel teatro della Casa Circondariale di Rieti Nuovo Complesso si realizza il progetto sociale e culturale “Al Centro della Scena”.

Fortemente sostenuto dal Direttore dell’istituto di reclusione Vera Poggetti e realizzato dagli Assistenti Volontari della Sesta Opera San Fedele Rieti, associazione di volontariato penitenziario, gli obiettivi del programma educativo “Al Centro della Scena”, sono il potenziamento delle capacità comunicative ed espressive dei detenuti, attraverso il linguaggio verbale, la gestualità, la recitazione, rafforzare le capacità di lettura con testi originali o noti, la scrittura, l’interpretazione, l’esecuzione musicale, la valorizzazione della creatività artistica, attraverso l’interazione tra i componenti il gruppo di detenuti e gli studenti reatini.

Il lavoro, diretto dagli Assistenti Volontari della Sesta Opera San Fedele Rieti Benedetta Graziosi e Francesco Rinaldi, attraverso il testo della famosissima opera teatrale “Cyrano de Bergerac” di Rostand, viaggia tra valori e sentimenti universali quali l’amore, la difesa della libertà, il superamento dei pregiudizi, la fiera esistenza, il non piegarsi mai alla mediocrità o alle convenienze.

Il lavoro viene rappresentato oggi, venerdì 16 giugno, nel teatro dell’istituto penitenziari di Rieti, estrae momenti e dialoghi dall’ opera di Rostand, ironici e divertenti, con incursioni artistiche, musicali, canore, di danza.

Il progetto educativo “Al Centro della Scena” della Sesta Opera San Fedele Rieti, tende ad un salto di qualità per la crescita umana e culturale dei detenuti, vedono anche la partecipazione dei loro familiari allo spettacolo, ed alla creazione di un rapporto sempre più stretto tra carcere e territorio, elemento essenziale per il graduale reinserimento dei detenuti nella famiglia e nella società civile.








 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2022  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori