Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Premio Giallo al Centro 2020, il vincitore

Andrea Donaera

Il podio per Andrea Donaera con il suo primo romanzo 'Io sono la bestia'

11/10/2020 21:07 

 

Arriva a Cittaducale «Private. Venti storie di giornaliste nel tempo sospeso»

©

Il ricavato della vendita sarà devoluto all'associazione «Telefono Rosa»

26/09/2020 12:48 

 

A Rieti la presentazione del libro della giornalista Valentina Bisti

Valentina Bisti

Il tema: «Tutti i colori dell’Italia che vale»

16/09/2020 11:07 

 
 

 
   

 

 

Francesco d'Assisi e il cibo, un segno di letizia

 

La copertina del libro
La copertina del libro

 
 
virgolette

Un libro racconta un volto inedito del poverello

     

dalla Redazione
sabato 10 ottobre 2015 - 10:43


«Laudato sì» anche per il cibo. Francesco d'Assisi non era un asceta, completamente disinteressato alla tavola. Mangiava pane e focacce ma anche verdure, mostaccioli formaggi, carne di maiale. Nell'anno di Expo arriva un ritratto inedito del poverello d'Assisi.

«Il cibo di Francesco. Anche di pane vive l'uomo» racconta il rapporto tra il santo e il mangiare, anche questo considerato dono e segno di letizia. Edito dalle Edizioni di Terra Santa, è stato scritto da Giuseppe Cassio e Pietro Messa ed è stato presentato nei giorni scorsi, in coincidenza con la festa di San Francesco del 4 ottobre. Stando a quanto si racconta generalmente su san Francesco d'Assisi, pare che egli non avesse nulla a che fare con il bisogno primario di nutrirsi.

Eppure anche nella sua vicenda umana è implicato il cibo: cereali, erbe selvatiche, ortaggi, i mostaccioli a base di mandorle, miele e mosto d'uva, ma anche uova, formaggi, carne di maiale, pollo, pesce bianco o azzurro e pasticcio di gamberi, il suo preferito. Sono solo alcuni dei cibi che Francesco impiega per sostentare il suo corpo e che sono raccontati negli episodi di questo libro, desunti dalle fonti francescane. Francesco appare come un «sano goloso». E il cibo compare anche tra le norme della 'Regola non bollata'.

«Colui che mangia - indicava ai suoi confratelli Francesco - non disprezzi chi non mangia. E ogni qualvolta sopravvenga la necessità, sia consentito a tutti frati, ovunque si trovino, di servirsi di tutti i cibi che gli uomini possono magiare».

A Natale poi era praticamente vietato fare digiuno: «Voglio che in un giorno come questo - disse un giorno Francesco a frate Morico - anche i muri mangino carne». E se la dispensa è vuota c'è sempre la Provvidenza. Quando si trovava in un convento vicino Rieti, tutti i giorni riceveva la visita di un medico per la cura degli occhi. Chiese un giorno ai confratelli di invitare il dottore a pranzo ma in quel momento non avevano che un po' di pane, legumi e vino. Una tavola un po' misera, di cui i fraticelli si vergognarono - Ma improvvisamente bussò una donna che portava in regalo pesci, gamberi, miele uva. «Neppure voi frati conoscete - commentò il medico - la santità di quest'uomo».





 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori