Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

I carabinieri forestali ancora una volta impegnati nel rilevare lo stato di salute delle foreste reatine

Gli agenti all'opera

La tutela e difesa dell’ambiente passa anche per lo studio dei nostri boschi

29/09/2021 11:12 

 

Vigili del fuoco, ritrovato il 78enne disperso a Turania

L'uomo ritrovato questa mattina

L’uomo questa mattina stava percorrendo un sentiero

29/09/2021 11:07 

 

Partite questa mattina le prime terze dosi agli over 80 anni del Lazio ospiti nelle RSA

La signora Valentina

Entro qualche giorno avvio somministrazione anche ad operatori sanitari e estensione a tutti gli over 80

28/09/2021 12:33 

 
 

 
   

 

 

Bosco estirpato senza autorizzazione, denunciato un sessantenne

 


 
 
virgolette

Scoperto l'intervento boschivo a Campo Maggiore a Fara in Sabina

     

dalla Redazione
venerdì 6 agosto 2021 - 07:22


Dopo mesi di indagini condotte dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Poggio Mirteto, nei giorni scorsi è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Rieti un uomo di 60 anni per aver estirpato un intero bosco, senza alcuna autorizzazione, in località Campo Maggiore di Fara in Sabina.

L’attività investigativa ha tratto origine dall’ordinaria attività di perlustrazione del territorio compiuta dai Carabinieri forestali ai quali, già da tempo, non era sfuggita la presenza di un ingente, e per questo anomalo, quantitativo di ceppaie lungo le sponde del fosso denominato “Corese”. Attraverso il preliminare utilizzo di fonti aperte e i successivi accertamenti tecnici, curati dal personale specializzato del Gruppo Carabinieri Forestale di Rieti, è stato possibile appurare la provenienza delle ceppaie dal terreno limitrofo al Fosso Corese, per il quale nessun titolo autorizzativo era stato rilasciato dalla competente autorità regionale. L’intervento di estirpazione, avvenuto in assenza di autorizzazione, cosiddetta “paesaggistica”, in un’area ricompresa nella perimetrazione delle “aree boscate” e della “fascia di rispetto dei corsi d’acqua”, costituisce violazione di natura penale, punita severamente dal “Codice dei beni culturali e del paesaggio” con l’arresto fino a due anni e l’ammenda sino a € 51.645.

Al termine delle indagini è stato dunque possibile quantificare la dimensione dell’area, superiore all’ettaro, e individuare l’autore del reato nel proprietario del terreno, di nazionalità albanese ma residente da anni nel comune di Fara in Sabina, il quale è stato sanzionato, anche amministrativamente, per aver abbandonato le ceppaie in modo incontrollato.

Oltre ai danni causati alla biodiversità presente nel territorio, l’intervento, eseguito in violazione della normativa di settore, ha comportato un evidente deturpamento paesaggistico dell’area, caratterizzata da ampie zone agricole e una scarsa presenza di zone boscate, oggi privata di un importante “polmone verde”.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2022  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori