Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia

I carabinieri forestali ancora una volta impegnati nel rilevare lo stato di salute delle foreste reatine

Gli agenti all'opera

La tutela e difesa dell’ambiente passa anche per lo studio dei nostri boschi

29/09/2021 11:12 

 

Vigili del fuoco, ritrovato il 78enne disperso a Turania

L'uomo ritrovato questa mattina

L’uomo questa mattina stava percorrendo un sentiero

29/09/2021 11:07 

 

Partite questa mattina le prime terze dosi agli over 80 anni del Lazio ospiti nelle RSA

La signora Valentina

Entro qualche giorno avvio somministrazione anche ad operatori sanitari e estensione a tutti gli over 80

28/09/2021 12:33 

 
 

 
   

 

 

Carabinieri Forestali, a Contigliano sequestrato un deposito abusivo di rifiuti speciali

 


 
 
virgolette

Oltre a macchinari usati in stato di abbandono e pneumatici fuori uso, trovati oltre 1000 litri di olii esausti

     

dalla Redazione
mercoledì 16 giugno 2021 - 08:43


Rimane altissima l’attenzione alla tutela dell’ambiente da parte dei Carabinieri Forestali di Rieti in collaborazione con personale dell’A.R.P.A. Lazio di Rieti.

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Contigliano al termine di un’attività investigativa hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria i legali rappresentanti di due società operanti nel reatino nel settore del commercio all’ingrosso di macchine agricole e industriali. Nel corso di una verifica con l’ausilio del personale dell’ARPA di Rieti presso il sito gestito dalle imprese, è stato rilevato un deposito incontrollato di rifiuti costituiti da macchinari usati in evidente stato di abbandono, componentistica, pneumatici fuori uso e stoccaggio di olii esausti in fusti metallici per un quantitativo superiore a 1000 litri.

L’area è stata ispezionata accuratamente ed è stato individuato un impianto di trattamento delle acque di dilavamento e prima pioggia non idoneo con scarico dei reflui la cui autorizzazione era scaduta da tempo; le acque, entrando in contatto con sostanze pericolose (olii grassi sintetici, idrocarburi etc), possono venire contaminate creando un pericolo concreto per le risorse ambientali.

L’intera area è stata sottoposta a sequestro preventivo dai militari operanti e molteplici sono stati i reati contestati ai responsabili, con pene che prevedono l’arresto fino a 2 anni.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2022  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori