Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Il vescovo Domenico benedice il nuovo portone della chiesa Madonna di Loreto

La comunitą parrocchiale di Limiti di Greccio in festa. Presenti il sindaco, Emiliano Fabi, e Giuseppe Balloni della Fondazione Varrone

18/04/2021 18:39 

 

Nasce nel Lazio la Rete dei Comuni del formaggio

Un progetto promosso da Arsial con il supporto di Ali Lazio

18/04/2021 14:27 

 

Vaccinazione anticovid19 in provincia di Rieti: superato tetto delle 40.000 dosi somministrate

Entro domani immunizzati sopra al 10%. Ieri nuovo record giornaliero di somministrazioni: 1.276 dosi

18/04/2021 13:43 

 
 

 
   

 

 

Covid, Fipe: bar e ristoranti chiusi da domenica 17 gennaio

 


 
 
virgolette

Napoleone e Grillotti: «Una scelta incomprensibile a danno dei pubblici esercizi»

     

dalla Redazione
sabato 16 gennaio 2021 - 08:30


Diversamente da quanto comunicato ieri, il Ministero della Salute ha disposto che la zona arancione nel Lazio partirà da Domenica 17 gennaio per cui tutti i pubblici esercizi dovranno osservare la chiusura al pubblico ferma restando la possibilità di vendita per asporto e consegna a domicilio.

Trattasi ancora una volta di una scelta incomprensibile a danno dei pubblici esercizi visto che la settimana scorsa l’ordinanza emessa venerdì 8 gennaio è entrata in vigore lunedì 11 per le Regioni Lombardia e Veneto e considerato che il Ministro Boccia aveva espressamente dichiarato che il week end sarebbe stato dello stesso colore (Lazio giallo) deducendo quindi la partenza del cambio colore dal giorno 18. Pur comprendendo la necessità di adottare provvedimenti urgenti per fronteggiare la pandemia non si comprende come l’esigenza per le imprese di pubblico esercizio di pianificare per tempo l’organizzazione del lavoro venga sempre disattesa.

Il settore è stremato e la situazione grave e confusa; servono subito misure adeguate per ristorare le perdite. Comprendiamo il senso di frustrazione e di rabbia di tanti esercenti che possono indurre a gesti radicali. Ma la nostra responsabilità ci impone di mettere la legalità a prerequisito di ogni azione collettiva per cui ci rivolgiamo a tutte le imprenditrici e gli imprenditori al rispetto delle norme cogenti.

A dichiararlo in una nota congiunta sono i presidenti di FIPE BAR Domenico Napoleone e F.I.P.E. Ristoratori Elia Grillotti.

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori