Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Terremoto, Pirozzi (Fdi): nel recovery plan integrare la tutela ambiente con la prevenzione sismica

Previsti fondi ingenti per la green economy

14/01/2021 09:37 

 

Emergenza sanitaria, Cuneo: bene la riunione di oggi

Roberta Cuneo

In Prefettura il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica

13/01/2021 19:26 

 

Imprese, Zingaretti: già tremila domande per i ristori del Lazio

Nicola Zingaretti

Il Governatore: vicini a chi resiste e combatte

12/01/2021 09:48 

 
 

 
   

 

 

Rieti: interrogazione parlamentare al ministro Costa sulla stazione montana al Terminillo

 

Il bosco della Vallonina al Terminillo
Il bosco della Vallonina al Terminillo

 
 
virgolette

«Il progetto comporterebbe il taglio di 17 ettari di faggete secolari»

     

dalla Redazione
giovedì 14 gennaio 2021 - 11:34


Le senatrici Paola Nugnes e Elena Fattori del Gruppo Misto, dalla presidente del gruppo Loredana De Petris e dalla senatrice Virginia La Mura (M5s) hanno interpellato interrogato il ministro dell'Ambiente e della Tutela del territorio Sergio Costa per chiedergli se è a conoscenza «dell'istruttoria e delle valutazioni tecniche operate dalla Regione Lazio e se non ritenga per quanto di propria competenza verificare il pieno rispetto delle norme di conservazione relative alle Zone speciali di conservazione e delle Zone di protezione speciale della rete Natura 2000, i cui habitat e specie faunistiche risulterebbero minacciati per effetto delle numerose e rilevanti opere per la ristrutturazione e l'ampliamento degli impianti sciistici nel comprensorio sciistico del Monte Terminillo» nel reatino.

«Il progetto di riqualificazione e ampliamento del complesso sciistico - si legge nella nota - sul quale la Regione Lazio sta terminando la procedura di Valutazione d'impatto ambientale - spiega Paola Nugnes - comporterebbe il taglio di 17 ettari di faggete secolari, compromettendo la conservazione di diverse specie faunistiche protette. Sono migliaia i cittadini che hanno sottoscritto una petizione per scongiurare il via libera definitivo al progetto da parte della Regione Lazio».

«È incomprensibile - dice ancora la Nugnes - come si possano ancora investire risorse pubbliche in un progetto più volte bocciato e che non fa i conti con gli effetti dei cambiamenti climatici in atto. Basti pensare che nella stagione invernale 2019-2020 non si sia registrato un solo giorno in cui le precipitazioni nevose abbiano garantito sufficiente neve per sciare. Abbiamo bisogno di rilanciare ed innovare un modello di turismo sostenibile, a vantaggio delle comunità locali, dei turisti e soprattutto delle nostre amate e fragili montagne, che devono essere tutelate come beni del paesaggio».

«Per questo abbiamo chiesto al Ministro - conclude Nugnes - che venga anche garantito il rigoroso rispetto delle norme di tutela sui beni e le aree sottoposte a vincolo paesistico, anche alla luce del quadro giuridico che si è determinato nel Lazio per effetto dell'annullamento del Piano paesaggistico regionale da parte della Corte Costituzionale».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori