Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Due secoli dalla prima battaglia del Risorgimento Italiano

Il Colle di Lesta apparteneva al Regno di Napoli e si trovava a Cittaducale nel territorio della frazione di Santa Rufina

23/02/2021 08:54 

 

Strada facendo. Il lungo viaggio del carro di Eretum

Bardature dei cavalli

A Rieti, Palazzo Dosi Delfini, dal 23 aprile al 12 settembre 2021

16/02/2021 08:50 

 

All’Archivio di Stato di Rieti una mostra e un libro per «La Sabina di Giacomo Caprioli»

Appuntamento venerdì 5 febbraio con ingresso contingentato

01/02/2021 13:50 

 
 

 
   

 

 

A Vallecupola il presepe dei Pastori

 

Vallecupola
Vallecupola

 
 
virgolette

Picchi: «L’idea è partita dalla Università Agraria»

     

di M. G. D. M.
martedì 22 dicembre 2020 - 07:45


Non è una casualità se il Signore ha deciso di far nascere suo figlio tra i pastori, di fatto i pastori videro per primi Gesù in fasce ed allertati dall’Angelo per primi furono invitati a divulgare la notizia. E proprio da un piccolo borgo della provincia di Rieti, Vallecupola, terra di pastorizia, non poteva non venire un segnale forte in un momento di grande sofferenza, non solo a causa del Covid-19, ma di un decadimento generale dei valori.

Mentre papa Francesco richiama al significato del Natale, «quello vero, cioè alla nascita di Gesù Cristo», ai piedi del piccolo borgo medioevale, in una stalla, è stato allestito un presepe, un presepe modesto, come ai tempi di Gesù, con una stella cometa messa a decorazione che sembra invitare il pellegrino al raccoglimento.

«L’idea è partita dalla Università Agraria – spiega il neo presidente Giuliano Picchi – La sensazione è di una rinascita per il coinvolgimento e disponibilità dell’intera popolazione, bambini ed adulti si sono adoperati nella realizzazione di questo presepe».

Per il presidente si tratta di un piccolo passo, il primo, presagio di un cambiamento imminente volto a rivalorizzare una delle aree più belle della provincia reatina e uno tra i borghi più belli e suggestivi della zona che, da anni, attira numerosi turisti per la cornice naturalistica, il parco naturale Monti Navegna e Cervia, la presenza della Biblioteca Casa Museo Angelo Di Mario e che nasconde tesori ancora da valorizzare come il “Volto Santo”, opera d’arte dal grande valore artistico, simbolo di speranza e guarigione.


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su

Share on Whatsapp
           
           

 


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori