Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Rieti: interrogazione parlamentare al ministro Costa sulla stazione montana al Terminillo

Il bosco della Vallonina al Terminillo

«Il progetto comporterebbe il taglio di 17 ettari di faggete secolari»

14/01/2021 11:34 

 

Terremoto, Pirozzi (Fdi): nel recovery plan integrare la tutela ambiente con la prevenzione sismica

Previsti fondi ingenti per la green economy

14/01/2021 09:37 

 

Emergenza sanitaria, Cuneo: bene la riunione di oggi

Roberta Cuneo

In Prefettura il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica

13/01/2021 19:26 

 
 

 
   

 

 

Dal PD di Rieti la richiesta di attivazione di un centro comunale per tamponi rapidi e test sierologici

 


 
 
virgolette

«Con personale medico e infermieristico convenzionato con il Comune»

     

dalla Redazione
domenica 29 novembre 2020 - 17:36


«Per far fronte all’emergenza Covid e per supportare le strutture dell’Azienda sanitaria locale, vista l’inerzia dell’Amministrazione comunale di Rieti, chiediamo al sindaco di creare un centro di assistenza comunale». A fare la proposta il Partito Democratico della Città di Rieti.

«Dopo il voto contrario da parte della maggioranza, che per pura propaganda politica ha rigettato la nostra proposta di far aderire le farmacie dell’Asm alla campagna promossa dalla Regione Lazio di effettuare test seriologici e tamponi rapidi alla cittadinanza, e vista la concreta necessità di dare risposte immediate, proponiamo al sindaco di adottare le misure necessarie alla tutela dei reatini, come già avviene in altri comuni della nostra provincia. Al riguardo chiediamo l'attivazione di un centro di assistenza comunale per l'esecuzione dei tamponi rapidi e test sierologici sotto la responsabilità di personale medico e infermieristico convenzionato con il Comune. Tale personale, che conserverà i dati degli utenti, nel rispetto della privacy, trasmetterà poi alla Asl i dati dei soggetti risultati positivi».

«Chiediamo inoltre – aggiungono dal PD di Rieti - l’istituzione di un coordinamento locale, convocato e presieduto dal sindaco, in raccordo con la ASL, di cui fanno parte i medici di medicina generale e i pediatri, i medici di continuità assistenziale, con la collaborazione dei servizi sociali e della Polizia locale. Tale coordinamento potrà essere integrato con i medici che svolgono la libera professione, con personale infermieristico, veterinario e amministrativo presente nel comune di Rieti o con altre figure delle professioni sanitarie, anche collocate in pensione. La partecipazione, su base volontaria, non potrà prevedere nessun onere a carico del comune o del servizio sanitario. In questo modo l'individuazione di soggetti da sottoporre a tampone a seguito di sospetto diagnostico o per avvenuto contatto con un positivo al Covid, potranno essere segnalati al personale del centro di assistenza comunale e di conseguenza alla Asl».

«Esprimiamo la nostra amarezza – concludono - per l’atteggiamento di indifferenza del Comune di Rieti, nonostante le tante proposte da noi messe in campo, anche in risposta alle sollecitazioni pervenuteci dai cittadini. Non capiamo infatti, mentre tante amministrazioni del territorio reatino si sono attivate, questa immotivata inerzia, che è espressione solo di una mancanza d’amore per la propria gente».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori