Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

ASL, Covid-19: aggiornamento del 30 ottobre 2020

69 nuovi soggetti positivi al test. 756 in totale i positivi in provincia

30/10/2020 11:00 

 

Cicchetti: «Nei cimiteri osservare le norme di contrasto al Covid»

© Antonio Cicchetti

Il Sindaco: «Fondamentale evitare gli assembramenti e osservare un rigoroso distanziamento fisico»

29/10/2020 19:12 

 

Papa: Pompili amministratore apostolico della diocesi di Ascoli Piceno

Il BVescovo di Rieti Domenico Pompili

Accettate le dimissioni di Mons. Giovanni D’Ercole

29/10/2020 18:13 

 
 

 
   

 

 

Rieti, l'Arcigay in piazza a sostegno della legge contro l'omolesbobitransfobia

 


 
 
virgolette

L’appuntamento è in piazza Vittorio Emanuele II

     

di Domenico Di Cesare - Presidente Rieti LGBT+ Associazione Arcigay
venerdì 16 ottobre 2020 - 10:55


Anche a Rieti diciamo #DALLAPARTEDEIDIRITTI a sostegno della legge contro l’omolesbobitransfobia e la misoginia. Sono sessanta le piazze d’Italia che si coloreranno di diritti, quelli ancora non riconosciuti alla comunità LGBT+. Sabato alle 16:30 l’appuntamento è in piazza Vittorio Emanuele II, dove sarà presente anche un banchetto di informazione, sensibilizzazione e tesseramento ad Arcigay.

Hanno già dato la loro adesione, in ordine di adesione: ARCI Rieti, Rete Studenti Medi, Centro antiviolenza il Nido di Ana, Centro antiviolenza Angelita, ANPI Rieti, Sabina Radicale, Cittadinanza Attiva. Per ulteriori adesioni/supporto scrivere a: rieti@arcigay.it

In questi giorni il Parlamento è impegnato nella discussione della proposta di legge contro l’omolesbobitransfobia e la misoginia. Da troppi anni attendiamo una legge seria in grado di contrastare efficacemente l’odio, le violenze e le discriminazioni verso le persone LGBT+ e le donne.

L’ultima ricerca dell’Agenzia Europea dei Diritti Fondamentali sulle persone LGBT+ in Italia, evidenzia che il 62% di esse evita di prendere per mano la persona amata e che il 30% non frequenta alcuni luoghi per paura di subire aggressioni, che il 23% dichiara di aver subito discriminazioni sul posto di lavoro, che il 32% ha subito almeno un episodio di molestia nell’ultimo anno e che l’8% è stato vittima di un episodio di aggressione fisica negli ultimi 5 anni: solo 1 persona su 6 ha denunciato questi episodi.

Dopo tanti fallimenti e proposte di legge affossate, è ora che l’Italia faccia la sua parte nel contrasto a discriminazioni e violenze fondate su sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere. Non c’è più tempo, va approvata subito una legge seria ed efficace. Siamo cittadine e cittadini e chiediamo soltanto di poter vivere e amare libere e liberi dalla paura.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori