Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Calisse: «Sugli interventi di risanamento delle strade il PD reatino mi fa sorridere»

Cercano «di dare il merito addirittura all'ex ministro Del Rio»

29/09/2020 20:53 

 

PD, bene il piano della Provincia di messa in sicurezza delle strade del territorio

«4 milioni di euro grazie all'impegno degli esponenti del Partito democratico»

29/09/2020 08:41 

 

PD, verso il commissariamento del circolo di Fara Sabina

«Siamo convinti che la sconfitta elettorale fosse evitabile»

25/09/2020 12:06 

 
 

 
   

 

 

Emergenza scuole: la replica del PD al presidente della Provincia

 


 
 
virgolette

«Solo storielle inventate per coprire il fallimento e l’incapacità di programmazione»

     

dalla Redazione
sabato 29 agosto 2020 - 13:54


«Il presidente della Provincia Mariano Calisse si è già arreso. Doveva entro il 14 settembre trovare le aule per garantire a tutti gli studenti di tornare in classe regolarmente, grazie anche al finanziamento di 500 mila euro che il MIUR gli ha dato per lavori di edilizia scolastica e per l'emergenza covid. Oltretutto la Provincia, rispondendo al bando messo in campo dal governo col Decreto Rilancio per tutte le amministrazioni d'Italia, è riuscita nell'impresa di richiedere meno soldi rispetto alle altre province del Lazio». Così, in una nota, la risposta al presidente della Provincia di Rieti Mariano Calisse da parte del Partito Democratico della Città di Rieti.

«Tutto il piagnucolio e le scuse che il sindaco di Borgorose e i suoi alleati di governo stanno buttando in pasto dell’opinione pubblica sono solo storielle inventate per coprire il fallimento e l’incapacità di programmazione dell’amministrazione guidata da Calisse. Ma veramente vorrebbero farci credere che le elezioni sono il vero problema della mancata individuazioni delle aule da parte della Provincia di Rieti? Se così fosse – prosegue la nota - allora i nostri ragazzi potrebbero tornare a scuola tranquillamente solo dopo una settimana o al massimo 10 giorni di didattica a distanza».

«Ma così non è perché Calisse ha alzato colpevolmente bandiera 20 giorni prima dell’apertura delle scuole lasciando i dirigenti scolastici e i professori in balia degli eventi: in tutta Italia amministratori, presidi e insegnanti stanno lavorando per permettere ai nostri figli di recuperare la normalità che la pandemia ha portato via».

«Sono mesi che prende in giro i cittadini annunciando la riapertura della ex caserma dei Carabinieri a Rieti che ancora è chiusa e purtroppo lo resterà per altre lunghissime settimane; insieme al Comune di Rieti non sono riusciti a mettere in campo la benché minima collaborazione potendo tra l’altro contare sul grande lavoro che il centrosinistra negli ultimi anni ha fatto nel capoluogo sull’edilizia scolastica: il polo didattico, la scuola, quella vera e non quella di carta di Emili, a Campoloniano, solo per citare gli esempi più evidenti. Se Calisse non ne è capace o non ha voglia di lavorare – conclude la nota - può tranquillamente dimettersi, trovare uno più disponibile e adatto all’incarico che ricopre non sarà difficile trovarlo».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori