Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Calisse: «Sugli interventi di risanamento delle strade il PD reatino mi fa sorridere»

Cercano «di dare il merito addirittura all'ex ministro Del Rio»

29/09/2020 20:53 

 

PD, bene il piano della Provincia di messa in sicurezza delle strade del territorio

«4 milioni di euro grazie all'impegno degli esponenti del Partito democratico»

29/09/2020 08:41 

 

PD, verso il commissariamento del circolo di Fara Sabina

«Siamo convinti che la sconfitta elettorale fosse evitabile»

25/09/2020 12:06 

 
 

 
   

 

 

No alla riduzione dei parlamentari

 

L'aula di Montecitorio
L'aula di Montecitorio

 
 
virgolette

È l’invito dell’associazione culturale Area Rieti

     

di Chicco Costini
mercoledì 26 agosto 2020 - 09:13


Area Rieti invita a votare No al prossimo referendum confermativo della riforma costituzionale, che prevede la riduzione dei parlamentari. La scelta nasce innanzitutto dal rifiuto della narrazione demagogica, che vede la politica come un costo inutile per la società.

Il problema non è il numero dei deputati, quanto “costano”, ma la scarsa qualità dei quadri dirigenti politici, nella gran parte assimilabili ad influencer a caccia di like, privi di una visione progettuale e prospettica, la politica odierna si preoccupa unicamente del quotidiano, incapace di leggere il passato e di costruire il futuro.

E tutto questo non si risolve riducendo i parlamentari, ma intervenendo sulla selezione degli stessi. Ridurre gli eletti significa invece indebolire i territori, soprattutto i più deboli e meno popolati come la nostra provincia, spostando ulteriormente il centro del potere nelle grandi realtà urbane. Si ridurrà in questo modo la possibilità dei cittadini di scegliere i propri rappresentanti, di poter avere un rapporto diretto con chi governa la Nazione, allontanando ancora di più la società reale dai palazzi del potere.

Ed è anche per questo che tutti i partiti sono favorevoli a questa riforma, che otterrebbe come unico risultato concreto, un ulteriore rafforzamento dei leader dei partiti, sempre più uomini (o donne) soli al comando, circondati da una corte di servi, il cui destino è legato al volere unico di chi ha le leve del comando.

Da ultimo votare no alla riforma che ha rappresentato il punto nodale dell’accordo tra 5 stelle e PD, significherebbe dare un segnale chiaro di contrarietà all’attuale governo di inetti guidati da Conte. Per cui contro una riforma che riduce la possibilità dei cittadini di incidere sulla scelta dei propri rappresentanti, che lascerà i territori interni ancora più abbandonati, che non impedisce a ignoranti ed inetti di essere eletti, premiando ulteriormente leccaculo e ipocriti, è necessario schierarsi senza esitazioni per il NO, dando un segnale inequivocabile di rottura con l’attuale maggioranza.

 

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori