Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Accordo Asl e Fondazione Varrone per un mega centro vaccinazioni di 540 metri quadrati

Il centro sorgerà presso l’ex stabilimento Bosi in via Salaria per l’Aquila

23/01/2021 11:01 

 

Nuove divise ed attrezzature per il personale della Riserva Laghi Lungo e Ripasottile

Creano un’immagine di omogeneità dei dipendenti

23/01/2021 09:47 

 

Covid, Coldiretti Lazio: il crack delle stalle da 1,7 mld si ripercuote su tutta la filiera

Granieri: «In crisi due allevamenti su tre a causa delle restrizioni al canale Horeca, fake news e crollo prezzi»

22/01/2021 14:11 

 
 

 
   

 

 

Scomparsa Mons. Chiarinelli, il cordoglio dell'Azione Cattolica reatina

 


 
 
virgolette

«Eredi e custodi di che? Il mondo che abbiamo alle spalle è finito, è passato» disse in un incontro

     

dalla Redazione
mercoledì 5 agosto 2020 - 09:40


L’Azione Cattolica reatina esprime il proprio cordoglio per il ritorno alla Casa del Padre di Mons. Lorenzo Chiarinelli, vescovo emerito di Viterbo, e si unisce al Vescovo mons. Domenico Pompili e a tutta la Comunità Ecclesiale nella viva memoria dell’amato presule.

Alla sua ultima assemblea diocesana, lo scorso marzo, l’associazione ebbe l’onore di ospitare mons. Chiarinelli, da sempre grande sostenitore della realtà laicale in cui aveva ricoperto in passato incarichi come Assistente centrale, prima in FUCI e poi nel MEIC. In quella occasione l’amato Vescovo, riferendosi allo slogan dell’assise, pronunciò in maniera un po’ sferzante le seguenti parole: «Eredi e custodi di che? Il mondo che abbiamo alle spalle è finito, è passato.

Non possiamo fermarci a essere eredi e custodi, perché questa eredità e questa custodia non c’è più! Dobbiamo essere innovatori, creatori, guardare avanti!».

Parole che, qualora ce ne fosse bisogno, confermano quanto dichiarato dal Vescovo Mons. Pompili: «Con il vescovo Lorenzo scompare un uomo perspicace, interprete raffinato della modernità e soprattutto un credente irriducibile».

All’Azione Cattolica reatina piace dunque ricordare don Lorenzo in questa sua veste di sostenitore dell’innovazione e della creatività, che ben si coniuga con la storia e la missione dell’associazione, raccogliendo con rinnovato vigore le parole sopra citate nella promessa di un forte impegno per il bene di una comunità locale, civile ed ecclesiale, fortemente bisognosa di sprone e fiducia nel domani.

Tutta l’AC diocesana si stringe intorno ai familiari di don Lorenzo e in condivisione con tutti i suoi figli spirituali si unisce alla preghiera corale della Chiesa locale nell’accompagnarlo alla vista del Padre.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2021  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori