Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

Mep Radio, in diretta il Consiglio comunale di Amatrice

© Antonio Fontanella (foto Rita Peccia)

Si potrà seguire la trasmissione anche in streaming audio

02/08/2020 17:47 

 

'Borghi del Respiro' in rete, fra turismo sostenibile e salute

Leonessa

Patto siglato fra 15 Comuni montani di Abruzzo, Lazio e Umbria

01/08/2020 17:00 

 

Mobilità, Regione: da sabato 1 agosto torna «Lazio in tour»

Per 30 giorni spostamenti gratis per giovani dai 16 ai 18 anni

01/08/2020 16:56 

 
 

 
   

 

 

Rieti, sindacati: stato di agitazione del personale delle farmacie municipalizzate

 


 
 
virgolette

Cgil, Cisl e Uil: «17 le richieste di incontro al Comune per dibattere della volontà di vendere le farmacie municipalizzate»

     

dalla Redazione
venerdì 3 luglio 2020 - 16:26


«A seguito di un'assemblea unitaria con i lavoratori dell'Asm Rieti Spa, abbiamo deciso di indire lo stato di agitazione del personale: da gennaio ad oggi abbiamo inoltrato ben 17 richieste di incontro al Comune, per dibattere della volontà di vendere le farmacie municipalizzate, ottenendo come risposta un silenzio assordante, a cui si sono aggiunte dichiarazioni inaccettabili da parte del sindaco di Rieti , Antonio Cicchetti».

È quanto si legge in una nota di Fabrizio Pilotti, Sara Imperatori e Pietro Feliciangeli, rispettivamente della Filcams-CGIL Rieti-Roma Eva, della Fisascat-CISL Roma Capitale Rieti e della Uiltucs-Uil Rieti, in cui si aggiunge che «oltre al danno, per i lavoratori un'inammissibile 'beffa': non soltanto decine di famiglie sul territorio guardano al futuro con preoccupazione, ma in una recente intervista televisiva il sindaco ha scaricato sui dipendenti la responsabilità di un'inefficacia gestionale che, a nostro parere, risiede altrove. Si tratta di persone che, dagli anni '90 ad oggi, sono state protagoniste della crescita e dell'espansione delle farmacie municipalizzate sul territorio, persone che lavorano quotidianamente con abnegazione e che adesso vengono additate come 'capri espiatori' della situazione».

«Non si può mettere a rischio la continuità occupazionale, contrattuale e salariale di queste persone - continua il comunicato - e non si può dismettere un 'gioiello di famiglia', patrimonio della città e servizio essenziale per la cittadinanza, per cui sarebbe utile un piano strategico-politico di rilancio che sia concreto e fattivo. La vendita a privati di un tessuto economico primario, riguardante la distribuzione di medicinali alla collettività, sarebbe una perdita per tutti».

«Far passare il concetto che siano i lavoratori e le lavoratrici la causa delle perdite delle farmacie è una lettura politica inaccettabile, a maggior ragione alla luce delle mancate convocazioni del management, il quale continua a ignorare ogni richiesta di incontro avanzata dalle organizzazioni firmatarie del contratto che viene applicato», conclude il comunicato.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori