Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

TSM2, incomprensibile l'alzata di scudi delle associazioni ambientaliste

©

Basta alle parole e si ai progetti, si alle realizzazione di opere che riqualificano il territorio

02/06/2020 09:35 

 

Viabilità Monte Terminillo, Calabrese presenta un'interrogazione

Via dei Villini al Terminillo

Chiesti i tempi di realizzazione degli interventi di ripristino stradale

01/06/2020 14:07 

 

Salaria. Trancassini: «Ancora una vita persa al km 60»

Il bivio sulla Salaria

Il deputato: «Si intervenga con la massima urgenza per la messa in sicurezza»

30/05/2020 19:57 

 
 

 
   

 

 

Dimissioni Masotti, parla la Giunta

 


 
 
virgolette

Gli assessori: «L’annunciato allontanamento non merita un affettuoso addio»

     

dalla Redazione
venerdì 22 maggio 2020 - 18:53


«Nonostante le vicende note a tutti, le difficoltà finanziarie derivanti dal regime di predissesto del Comune, le conseguenze del terremoto del 2016 e, in ultimo, il Coronavirus, la Giunta del Comune di Rieti è stata impegnata in questi anni nel raggiungimento degli obiettivi della campagna elettorale. In particolar modo, nell’ultimo periodo di emergenza epidemiologica, la Giunta si è adoperata in maniera straordinaria per far fronte alle esigenze della Città, con la significativa assenza di chi oggi si esibisce come vittima».

Così, in una nota, gli otto componenti della Giunta del Comune di Rieti in risposta alle dichiarazioni dell’ex assessore Elisa Masotti in merito alle proprie dimissioni di ieri.

Per il Sindaco Antonio Cicchetti, il vice sindaco Daniele Sinibaldi, gli assessori Onorina Domeniconi, Oreste De Santis, Antonio Emili, Gianfranco Formichetti, Giovanna Palomba e Claudio Valentini, «L’allontanamento solitario e per motivazioni banali e personalistiche di un assessore, che non è stata accompagnata all’uscio, risponde esclusivamente ad un disegno di destabilizzazione del centrodestra probabilmente ordito da forze esterne alla coalizione. Le motivazioni puerili e speciose addotte dall’interessata non resistono al vaglio di chi intenda serenamente esaminare la mole di lavoro svolta dall’Amministrazione comunale in difficilissime condizioni. Proprio in questa fase così importante per il Paese e quindi anche per Rieti, tutti noi assessori siamo stati impegnati in un lavoro costante di ascolto, sostegno e risoluzione delle problematiche che hanno attanagliato intere famiglie e categorie produttive in difficoltà».

«Un atteggiamento come quello dell’ex assessore, in un momento complicato come questo, mal si concilia con lo sbandierato rispetto della volontà popolare e dello sforzo inteso a realizzare, tra mille difficoltà, l’impegnativo programma elettorale. L’annunciato allontanamento, che non merita un affettuoso addio, si coniuga perfettamente con le assenze e gli urticanti rapporti intrattenuti con i dipendenti comunali. La libertà di proporre e di fare degli assessori è stata sempre garantita al massimo livello per iniziativa di chi si è fatto garante di preparare una nuova classe dirigente per poi farsi da parte. – conclude la nota - L’unica a non averlo capito è l’ex assessore, forse per la rarità delle sue presenze tra i colleghi».

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori