Mep Radio

Quotidiano d'informazione

Untitled
   Cerca una notizia
tutte le notizie di: oggi | ieri | l'altro ieri | di una data specifica
 

PD, verso il commissariamento del circolo di Fara Sabina

«Siamo convinti che la sconfitta elettorale fosse evitabile»

25/09/2020 12:06 

 

Ingresso stadi, Zingaretti: «Regione Lazio contraria al 25% della capienza»

© Lo stadio Manlio Scopigno

Delegato Lazio ha abbandonato questa mattina conferenza delle Regioni

24/09/2020 18:57 

 

Di Berardino: «Aggiudicati i lavori per l'ospedale di Amatrice»

L'ospedale Grifoni di Amatrice

Secondo il progetto il presidio ospedaliero è dotato dei più elevati standard di qualità e innovazioni tecnologiche

24/09/2020 18:42 

 
 

 
   

 

 

Area Rieti: vicini a ristoratori e baristi che hanno aderito al flash mob

 


 
 
virgolette

I provvedimenti del governo non danno speranze ad un settore che rischia di morire definitivamente

     

di Felice Costini
giovedì 30 aprile 2020 - 10:37


Area Rieti esprime la propria solidarietà e vicinanza ai baristi e ristoratori che ieri sera hanno acceso le loro insegne nell'ambito del flash mob "Adesso Basta, risorgi Italia". I provvedimenti del governo, guidati da una task force dove ci sono sociologi e psicologi ma non piccoli imprenditori e commercianti, non danno speranze ad un settore che rischia di morire definitivamente con questa epidemia.

Oltre 2 mesi di chiusura, proposte per la riapertura figlie di una visione utopistica e totalmente estranee alla realtà di queste attività, prefigurano la chiusura definitiva di tanti piccoli imprenditori che da sempre rappresentano l'ossatura della nostra economia, e che hanno un ruolo centrale nella nostra società. Invece di studiare insieme a loro un nuovo modello, di predisporre aiuti economici a fondo perduto che permettano di riconvertirsi alla mutata situazione, gli è stata prospettata come unica soluzione quella di rivolgersi agli usurai, siano essi istituzionali come le banche o meno.

E l'appello al buon cuore delle banche del presidente del consiglio, e quanto di più ridicolo ed inutile potevamo sentire. Lo Stato deve dare soldi, se necessario stampandoli a quanti sono stati fortemente penalizzati dalla chiusura, non fargli chiedere prestiti che non potranno restituire, indicare soluzioni compatibili con il tipo di attività che svolgono, e creare soluzioni concrete, non imporre distanziamenti e divieti, palesemente irrealizzabili, soprattutto per i più piccoli. La salvaguardia della salute deve camminare di pari passo con la difesa del lavoro, avendo una particolare attenzione per i non garantiti.

Chi oggi infatti guarda con fastidio la richiesta di riapertura dei piccoli commercianti, magari sentendosi tranquillo nel continuare ad libitum nell'isolamento, è spesso percettore di uno stipendio pubblico, di reddito di assistenza o di una pensione. Quello di cui non si rende conto è che questi soldi, se qualcuno non paga le tasse ed i contributi, finiranno anch'essi. Una Nazione riparte tutta insieme, garantendo e difendendo il lavoro, non certo affidandosi all'assistenza di stato.

 

 


 

 

invia l'articolo

Condividi l'articolo su


   
 




:::::: Disclaimer & Privacy Policy   © 2007-2020  - www.ilgiornaledirieti.it .it - Tutti i diritti riservati ::::::
Non è consentito il riutilizzo in altre opere multimediali del materiale pubblicato salvo esplicita autorizzazione degli autori